Meglio il fazzoletto di stoffa o quello di carta? Una guida per la scelta

Quante volte ci soffiamo il naso senza riflettere? Praticamente tutte. Ma hai mai pensato a quale fazzoletto è meglio usare? Ecco qui.
Valentina Danesi 3 Dicembre 2021
* ultima modifica il 03/12/2021

La stagione fredda porta sempre con sé le classiche forme influenzali e parainfluenzali. Di conseguenza ti ritroverai ad aver bisogno di una grande quantità di fazzoletti. Ma quali utilizzi di solito? Preferisci i classici monouso oppure quelli di stoffa?

Probabilmente quando eri piccolo, avrai visto tua nonna utilizzare soprattutto il fazzoletto di stoffa per soffiarsi il naso. Tu, al contrario, sarai cresciuto con l'abitudine di avere sempre con te il pacchetto di quelli di carta. La domanda è: quale dei due è più igienico? E quindi, avevi ragione tu o tua nonna?

La differenza e quando usarli 

Non ci sono dubbi, se vuoi aiutare l’ambiente quello di stoffa è la scelta migliore perché viene lavato e riutilizzato più volte. E questo evita che ci siano sprechi, ma ti permette anche di risparmiare. Sì, perché anche se teniamo in conto l'utilizzo del detersivo e il costo di acqua ed elettricità, potrai comunque beneficiare di un prodotto che dura nel tempo. Se invece vuoi guardare al lato puramente igienico, non possiamo nasconderci: i fazzoletti di carta vincono a mani basse.

Questo naturalmente per diverse ragioni. Prima di tutto sono monouso. Inoltre, sono confezionati in pacchetti richiudibili e da quantità ridotte, così non entrano in contatto con eventuale sporcizia o germi che si possono nascondere in fondo a una borsa o nelle tasche dei pantaloni.

Si arriva, infine, a un ultimo aspetto, che è quello che riguarda la cura della pelle e la possibilità che insorgano irritazioni dopo l'uso del fazzoletto. Sicuramente molto dipende dipende dal tipo di stoffa, che di solito è cotone, o di carta da cui è fatto questo oggetto. Se ne trovano infatti di più morbidi o più ruvidi in base alla marca e al tipo di prodotto. Quando scegli, quindi, tieni presente che una consistenza morbida evita anche il problema della formazione di umidità provocata da un utilizzo prolungato o eccessivo del fazzoletto, perché verrà probabilmente assorbita meglio dal tessuto (che si tratti di carta o di stoffa).

In sostanza, come avrai capito, molto dipende dalle tue caratteristiche e dalle tue preferenze. Ricorda però che in commercio si trovano anche fazzoletti di carta in un packaging biodegradabile. Questo può essere un buon compromesso tra igiene e attenzione all'ambiente.

Fonte| Humanitas

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.