Osteofiti e osteofitosi: cosa sono e perché si formano queste anomalie delle ossa

Gli osteofiti sono piccole escrescenze che si formano a livello delle articolazioni relativamente a ossa soggette a processi degenerativi cronici. Spesso si sviluppano nell’articolazione del ginocchio, dell’anca o dei dischi intervertebrali. Ne hai mai sentito parlare? Non per forza sono dolorosi, ma in tal caso ci sono i rimedi necessari.
Valentina Danesi 26 Ottobre 2020
* ultima modifica il 19/11/2020

Siamo abituati a pensare alle ossa come lunghi "bastoni" lisci e bianchi. Eppure qualche "anomalia" può alterarne la forma. Stiamo parlando degli osteofiti, piccole escrescenze che si formano a livello delle articolazioni. Sono tipiche dell'artrosi e si trovano soprattutto nel ginocchio, nell'anca e tra i dischi intervertebrali. Ne hai mai sentito parlare?

Cos’è

Gli osteofiti non sono altro che escrescenze che si formano a livello delle articolazioni con ossa soggette a processi degenerativi cronici. Spesso si sviluppano nell'articolazione del ginocchio, dell'anca o dei dischi intervertebrali.

Normalmente non sono dolorosi, ma possono portare all'infiammazione delle articolazioni, che si gonfiano e diventano sensibili al tatto. Il dolore potrebbe sopraggiungere  se vanno a contatto con altre strutture, ad esempio i nervi. Gli osteofiti possono essere associati a:

  • mal di schiena
  • mal di collo, alle spalle o alle gambe
  • mal di testa
  • a una sensazione di bruciore o pizzicore
  • perdita delle capacità di coordinamento di un'area del corpo, spasmi muscolari o crampi.

Il dolore, quando c’è, è solito peggiorare con l'attività fisica e migliorare con il riposo.

I sintomi

La presenza di osteofiti al limitare delle articolazioni può causare diversi sintomi:

  • dolore durante i movimenti
  • dolore costante e anche a riposo
  • usura delle cartilagini
  • limitazione dei movimenti dell'articolazione
  • creare ostruzioni meccaniche
  • irritare una radice nervosa con irradiazione del dolore
  • debolezza muscolare.

Le cause

Fra le cause che possono contribuire alla loro comparsa sono inclusi:

  • invecchiamento
  • traumi fisici
  • postura inadeguata
  • problemi congeniti
  • alimentazione
  • alcune patologie e disturbi come l'artrite, l'artrosi e la stenosi spinale.

Le cure e i rimedi

Quali sono i trattamenti migliori contro gli osteofiti? Non c’è una cura precisa, dipende dai sintomi. Quando gli osteofiti fanno una pressione lieve o moderata sulle strutture circostanti è possibile far ricorso a iniezioni di cortisone per ridurre gonfiore e dolore a livello delle articolazioni, oppure è possibile iniziare una terapia farmacologica contro il dolore o il gonfiore e per cercare di rilassare i muscoli.

Anche le infiltrazioni di acido ialuronico e l'assunzione di integratori alimentari possono contribuire a migliorare la condizione. C’è, inoltre, la fisioterapia per recuperare flessibilità e forza a cui si dovrebbe abbinare riposo e l’eventuale perdita di peso, se non si è nel proprio pesoforma. Se, invece, gli osteofiti sono molto pronunciati, si ricorrerà all’intervento chirurgico per rimuoverli o per sostituire l'articolazione con una protesi.

Fonte| Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.