Per i bambini meglio il “verde” del “blu”: vivere vicino a parchi e campagna migliora la loro salute polmonare più del mare

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Porto hanno monitorato la salute respiratoria di 3278 bambini utilizzando dati e mappe satellitari con cui hanno valutato la quantità di vegetazione nell’ambiente in cui vivevano. I risultati hanno dimostrato che vivere nel verde garantirebbe ai più piccoli una migliore funzione polmonare.
Kevin Ben Alì Zinati 25 Settembre 2022
* ultima modifica il 25/09/2022

Meglio il mare o la montagna? Forse per la salute polmonare dei bambini è preferibile la campagna.

Vivere circondati da alberi, giardini e parchi garantirebbe ai più piccoli dei polmoni più sani rispetto a quelli di chi passa i primi anni di vita in piena città. E questo lo sapevamo.

Secondo lo studio di un gruppo di ricercatori dell’Università di Porto, in Portogallo, tuttavia una vita nel “verde” sarebbe più salutare persino del “blu” del mare.

I risultati appena pubblicati sull’European Respiratory Journal dimostrerebbero che bambini tendono ad avere una migliore funzione polmonare se l’esposizione alla vegetazione vicino alle loro case aumenta nei loro primi dieci anni di vita.

I ricercatori portoghesi hanno monitorato la salute respiratoria di 3278 bambini residenti a Porto e dintorni utilizzando dati e mappe satellitari con cui hanno valutato la quantità di vegetazione nell'ambiente in cui vivevano.

Attraverso poi sistemi per confrontare le posizioni geografiche hanno determinato la distanza tra gli indirizzi di casa di ciascun bambino con il parco, il giardino pubblico o lo spazio verde più vicino in tre momenti diversi: alla nascita e poi successivamente a quattro, sette e dieci anni.

Il parametro polmonare che hanno preso in considerazione si chiama “capacità vitale forzata” ed è la quantità massima di aria che una persona può espellere dopo aver inspirato con un respiro profondo.

Questa funzione può indicare quanto bene funzionano i polmoni e può anche contribuire a scovare danni ai polmoni o patologie come l’asma.

Tutte le valutazioni hanno confermato che più verde c’è attorno ai bambini mentre crescono, meglio è. “Potrebbe essere che avvicinarsi alla natura riduca lo stress, che migliori la salute fisica, o potrebbe avere un effetto positivo sul microbioma dei bambini, la comunità di diversi batteri che vivono nei nostri corpi” ha commentato il dottor Queiroz Almeida, il ricercatore che ha guidato lo studio.

Gli scienziati portoghesi sono convinti che i loro risultati rafforzino l'idea che le famiglie dovrebbero trasferirsi in aree più verdi durante le fasi di crescita dei loro bambini.

Allo stesso tempo, però, testimoniano anche  la necessità di creare più spazi green nelle aree urbane.

Fonte | "Green and blue spaces and lung function in the Generation XXI cohort: a life course approach" pubblicata il 26 luglio 2022 sulla rivista European Respiratory Journal

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.