Perché a volte il ciclo è più abbondante? Ecco le cause dell’ipermenorrea

Hai mai sentito parlare di ipermenorrea? È il flusso eccessivamente abbondante. Cerchiamo di capire insieme perché accade.
Valentina Danesi 27 Giugno 2022
* ultima modifica il 13/07/2022

Quando si parla di ciclo mestruale le variabili sono tante: ritardi, dolori, flusso sanguigno. Cosa accade al corpo femminile quando il sangue è eccessivamente abbondante? Cerchiamo di capirlo e approfondire insieme tutte le cause.

Perché il ciclo è troppo abbondante

Cos’è

Ogni ciclo mestruale, per quanto sia variabile sotto diversi punti di vista, ha delle “linee” a cui attenersi per essere considerato un ciclo salubre e regolare. Tra questi parametri c’è anche il flusso sanguigno che, se abbondate, viene chiamato in gergo tecnico ipermenorrea.

Cause e fattori di rischio

Ci sono numerosi fattori che possono far variare il flusso mestruale ecco qui una lista con tutto quello che può causare questo disturbo:

Stress

Lo stress a cui una donna può essere sottoposta ogni giorno può far variare la concentrazioni ormonali nel suo corpo, le quali vanno poi ad influire anche sul flusso sanguigno.

Malattie dell’apparato riproduttivo femminile

Quando parliamo di patologie o disturbi facciamo riferimento a disfunzione delle ovaie come il mancato rilascio dell'ovulo e quindi la mancata produzione di progesterone; fibromi all’utero o polipi, adenomi, iperplasia endometriale che di solito deriva dalla produzione incontrastata di estrogeni;

Tumori all’utero o del collo dell’utero

Anche la presenza di di tumori può interferire nel flusso sanguigno peggiorandolo proprio perché si formano e crescono proprio lì dove c'è l'endometrio.

Squilibri ormonali


Quando si ha un ciclo mestruale il livello degli ormoni si equilibra, tra estrogeni e progesterone, e permette che il rivestimento uterino, ossia l’endometrio, cresca. Se questo equilibrio viene a mancare ecco che potrebbe esserci un eccesso di sangue dovuto proprio ad un eccessivo ispessimento dell’endometrio. Ci sono inoltre patologie come sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), l'obesità, l'insulino-resistenza e tumori dell’ipofisi che creano squilibri ormonali.

Problemi di coagulazione

Farmaci

Tra quelli che potrebbero causare uno scompenso in termini di perdita di sangue sono inclusi farmaci antinfiammatori, terapie ormonali a base di estrogeni e progestinici, anticoagulanti come warfarin o enoxaparina.

Diagnosi

Innanzitutto si deve essere precisi nell’annotazione dei propri cicli mestruali e poi il tuo medico chiederà sicuramente analisi del sangue per misurare eventuali alterazioni ormonali ed escludere carenze di ferro, disturbi della tiroide o della coagulazione. Poi si passerà ad un esame pelvico per valutare utero, ovaie ed endometrio.

Cura

La cura dipende moltissimo dalla causa che ha scatenato il problema e di norma si tratta di alterazioni ormonali, ma questo può verificarlo solo il tuo medico. Questo perché, come potrai ben capire, la cura cambia se si tratta di un tumore, di un dislivello ormonale o di un periodo stressante.

Fonti|Cdc 

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.