Perché a volte ti si tappano le orecchie?

Ti sei mai chiesto come mai alcune volte hai la sensazione di sentirci bene, come se avessi un tappo nelle orecchie? Capita con una certa frequenza, soprattutto se sei uno sportivo che ama nuotare o andare in montagna, ma anche se viaggi in aereo. Proviamo quindi a capire come funziona il tuo orecchio in queste situazioni.
Valentina Rorato 9 Giugno 2020
* ultima modifica il 13/06/2020

Improvvisamente hai la sensazione che il mondo sia ovattato e i suoni ti sembrano lontani e sottili. Ti si sono, probabilmente, tappate le orecchie. Capita in diverse occasioni, per esempio quando affronti un volo aereo, quando viaggi in macchina per raggiungere una località di montagna o se c’è in corso un’infezione. Il tuo orecchio potrebbe sbloccarsi rapidamente come rimanere tappato per qualche giorno. Esistono diversi rimedi casalinghi che possono fornire sollievo, ma la cosa importante è comprendere prima la causa di questo disturbo, per intervenire nel modo giusto, e se è necessario rivolgersi a un medico.

Perché si tappano le orecchie

Cause

Come puoi immaginare le orecchie si possono tappare per diversi cause, alcuni motivi sono patologici altri più meccanici. Ecco quindi a cosa prestare attenzione:

Altitudine

Le orecchie tappate in montagna o su un aereo dipendono dall’altitudine. Alcune persone subiscono delle ostruzioni temporanee dovute a un rapido cambiamento della pressione dell'aria all'esterno del corpo. Responsabile di questo fenomeno è la tromba di Eustachio. Se sviluppa mal di montagna, potresti anche avvertire avere mal di testa, nausea o respiro corto.

Blocco della tromba di Eustachio

Dalla tromba di Eustachio dipende la sensazione di “tappo”. Talvolta non è una vera e propria sensazione, perché potrebbe esserci davvero qualcosa che blocca questa porzione di orecchio che collega l’orecchio medio alla gola. Che cosa potrebbe tapparlo? Per esempio del banalissimo muco che invece di fluire lungo la gola resta intrappolato nella tromba. Di norma si verifica quando ci sono stati influenzali, raffreddori o sinusite. Anche la rinite allergica è potenzialmente un fattore scatenante.

Orecchio del nuotatore

Non devi essere un sub per percepire la sensazione di tappo nelle orecchie, anche andare in piscina per fare qualche vasca può crearti questo problema. Come mai? Il nuoto può scatenare un'infezione. Ciò accade quando l'acqua rimane nell'orecchio, favorendo la crescita di batteri e funghi. Questo fenomeno è noto come l'orecchio del nuotatore.

Cerume

Il cerume è quel prodotto naturale del nostro corpo che dovrebbe proteggere il condotto uditivo, impedendo ai detriti di penetrare nell'orecchio. La cera è normalmente morbida, ma può indurirsi e causare un tappo. Talvolta tutto questo dipende da una pulizia errata. Utilizzi i bastoncini di cotone? Questi oggetti sono sconsigliati perché favoriscono l’accumulo di cerume oltre a poterti causare lesioni.

Neurinoma del Nervo Acustico

Il neurinoma del nervo acustico è un tumore, noto anche come Schwannoma vestibolare. Si tratta di una crescita benigna che si sviluppa sul nervo cranico che porta dall'orecchio interno al cervello. Questi tumori sono di solito a crescita lenta e molto piccoli. Tuttavia, quando diventano più grandi, possono esercitare pressione sui nervi nell'orecchio interno. Ciò può causare un orecchio ostruito, perdita dell'udito e un ronzio nell'orecchio.

Cosa fare?

L’orecchio tappato o ostruito si può curare con diversi rimedi e prendendo dei farmaci da banco, che devono però essere consigliati dal medico. Ovviamente la tecnica utilizzata funziona in base alla causa.

Manovra di Valsalva

La manovra di Valsalva serve ad aprire la tromba di Eustachio. Per eseguirla, fai un respiro profondo e tappa il naso. Con la bocca chiusa, cerca di espirare delicatamente attraverso il naso (che stai ovviamente tappando manualmente). Ciò dovrebbe creare abbastanza pressione sbloccare l'orecchio. Non soffiare troppo forte per evitare di danneggiare il timpano.

Masticare caramelle e gomme

Un altro modo per stappare le orecchie o per prevenire che si tappino è masticare una caramella o una gomma. Può essere anche d’aiuto bere qualcosa o sbadigliare. Ai bambini piccoli si offre il biberon, il seno o anche semplicemente il ciuccio. La suzione funziona per aprire la tromba di Eustachio.

Impacco caldo o di vapore

Un altro modo per aiutare il tuo orecchio è una doccia calda. Prima di entrare, però, cerca di sederti in bagno per una decina di minuti dopo aver fatto scorrere l’acqua calda. Il vapore dovrebbe allentare il muco nell’orecchio. Un’alternativa è appoggiare un panno caldo sempre sopra il tuo orecchio.

Rimozione del cerume

Se si è formato un tappo di cerume, la cosa migliore è andare dal medico e farsi eseguire una pulizia completa. In alternativa in farmacia puoi trovare dei kit appositi (alcuni sono a base di gocce, altri hanno dei dispositivi simili a candelotti di cera). Puoi anche mettere due o tre gocce di olio minerale caldo, olio per bambini o acqua ossigenata nell'orecchio usando un contagocce. Tieni la testa inclinata per alcuni secondi dopo aver applicato le gocce per sciacquare la cera dall'orecchio.

Irrigazione dell’orecchio

L'irrigazione dell'orecchio può essere d’aiuto e può essere eseguita anche a casa. Dopo aver ammorbidito il cerume, utilizza una siringa riempita con acqua (a temperatura ambiente o leggermente più calda) o una miscela di acqua e soluzione salina per eliminare la cera. Versa l’acqua nell’orecchio. Si sconsiglia questo trattamento se si ha un timpano danneggiato, l’otite o un’infezione in corso.

Fonte| Studio Udire

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.