Perché hai sempre le mani fredde? Tutte le possibili cause

Nella maggior parte dei casi si tratta di una reazione dovuta a una maggiore sensibilità al freddo. Se appartieni a questa categoria di persone ci sono alcuni rimedi che puoi adottare per vincere il disturbo. Fai attenzione, però: se compaiono altri sintomi, allora dovresti chiedere un parere al tuo medico.
Giulia Dallagiovanna 22 novembre 2019
* ultima modifica il 12/06/2020

Le mani fredde sono un sintomo di un problema della circolazione, che provoca una costrizione dei vasi sanguigni periferici. Ma il più delle volte non si tratta di un fenomeno di cui tu ti debba preoccupare.

Arriva l'inverno e hai freddo. Ma il tuo non è un semplice rabbrividire alla prima folata di vento, sembra proprio una condizione cronica che viene a trovarti non appena le temperature subiscono il primo abbassamento e non ti abbandona fino a primavera. E dove la avverti soprattutto? Facile, nelle mani e nei piedi che improvvisamente sembrano diventati dei blocchi di ghiaccio del tutto separati dal tuo corpo. Tranquillo (anzi, probabilmente, è più il caso di dire tranquilla) nella maggior parte dei casi non si tratta delle prime avvisaglie di una malattia, ma solo una presa di coscienza che forse un po' di attività fisica in più ti farebbe bene.

I sintomi

Le mani fredde di per sé sono già un sintomo. E se le hai provate, avrai ben in mente quella sensazione di gelo che sembra aver ormai raggiunto le ossa. Probabilmente, ti accorgerai di far più fatica del solito a muovere le dita e sarà sufficiente un piccolo urto per avvertire dolore. La pelle, infine, sarà diventata biancastra, ma soprattutto secca e screpolata e più facilmente soggetta a taglietti e piccoli graffi. Sono queste le manifestazioni più tipiche che accompagnano il disturbo in questione.

Se invece noti altri segnali all'apparenza scollegati, come una stanchezza insolita o il fiato corto dopo aver salito una rampa di scale, allora il problema potrebbe essere più serio e riguardare il cuore. In quel caso, dovrai rivolgerti subito a un medico.

Le cause fisiologiche

Nella maggior parte dei casi, la causa delle mani fredde non è altro che un disturbo della circolazione senza troppe conseguenze. Si tratta infatti di vasocostrizione, cioè del restringimento dei vasi sanguigni più vicini alla superficie cutanea che agiscono in questo modo di fronte all'abbassamento delle temperature esterne. Lo scopo è quello di limitare la dispersione del calore che hai accumulato nel corpo e destinarlo soprattutto agli organi importanti, come cuore e polmoni. Ecco perché si dice "mani fredde, cuore caldo".

Il più delle volte è una reazione vasocostrittrice da parte dei vasi sanguigni più vicini alla superficie

Noterai dunque una cute che ha assunto una sfumatura biancastra, perché l'afflusso di sangue è stato ridotto, ed è diventata più secca. Quindi armati di guanti e di una buona crema idratante, ma niente paura: sei solo più sensibile al freddo. Freddolosa, insomma, proprio come hai sempre pensato. E parlo al femminile perché sono proprio le donne a essere più soggette a questo fenomeno, probabilmente a causa dell'elevata concentrazione di estrogeni, che favoriscono la vasocostrizione.

Le cause patologiche

Ora però proviamo a capire se esistano anche cause patologiche per la presenza di mani fredde e quando dovresti preoccuparti:

  • Cattiva circolazione sanguigna periferica: se ti senti anche più stanco del normale e senza alcuna causa apparente, allora non è una semplice reazione al freddo, ma un vero e proprio difetto nella tua circolazione. Le ragioni possono essere diverse, sia serie che meno preoccupanti. Tra le ultime, si possono annoverare una semplice carenza di muscolatura che provoca una ridotta vascolarizzazione – insomma è ora di fare un po' di movimento in più – e un accumulo di tensione nella zona lombare e cervicale che rende difficoltoso il passaggio del sangue.
  • Sindrome di Raynaud: più che una patologia si tratta di un sintomo, anche di qualcosa di serio come l'aterosclerosi. Te ne accorgerai perché oltre al freddo avvertirai bruciore, intorpidimento e formicolio e variazione nel colorito della cute, che potrebbe diventare molto pallida, oppure arrossata. Si tratta comunque di uno spasmo eccessivo dei vasi sanguigni periferici, che quindi riducono l'afflusso di sangue.
  • Diabete: questa patologia può causare una neuropatia, a causa dell'eccesso di zuccheri, che può disturbare la circolazione.
  • Artrite: diverse forme di artrite possono provocare alterazioni nella circolazione.
  • Ipotiroidismo: una tiroide che presenta funzionalità ridotte provoca mani fredde, unite a una generale insofferenza alle basse temperatura, stanchezza e debolezza croniche, pallore e aumento di peso.
  • Arteriopatia periferica: in chi soffre di questa condizione le arterie si restringono a causa della presenza di placche di adipe, come nel caso dell'aterosclerosi, e spesso un altro sintomo tipico sono i piedi freddi, uniti alla difficoltà di camminare (ti sembrerà di essere zoppo) e disfunzione erettile.

Una buona idea è sempre quella di parlarne con il tuo medico per capire se sia un segnale che possa preoccupare oppure no.

Le cause psicologiche

Non è detto che a sintomo fisico corrisponda problema fisico. A volte le cause delle mani fredde sono psicologiche. Sono soprattutto lo stress e l'ansia all'origine di questa manifestazione. Per la precisione, si tratta di una disfunzione del sistema nervoso autonomo, che controlla anche la termoregolazione. Non hai nessun potere su di lui che, come dice il nome stesso, è autonomo rispetto alla tua volontà. Se stai attraversando uno stato emotivo particolarmente negativo, perché magari ti trovi in una situazione stressante o che ti provoca ansia da prestazione, può scattare una reazione vasocostrittrice che quindi darà origine alle mani fredde. Allo stesso modo, potresti avvertire che stanno sudando nonostante la temperatura non sia per nulla elevata.

Le mani fredde nei bambini

Nemmeno quando osservi le mani fredde nei bambini, dovresti preoccuparti subito. La prima cosa da fare, in caso tuo figlio presenti questo sintomo, sarà controllare se la sua nuca e il suo petto abbiano una temperatura normale e se la sua carnagione è rosea, soprattutto in viso. Soprattutto se è ancora neonato, tieni presente che il suo apparato di termoregolazione non funzionerà ancora perfettamente perciò può capitare che le estremità risultino più fredde.

Dovrai invece portarlo subito in pronto soccorso in caso compaiano altri sintomi, come febbre, inappetenza, vomito e difficoltà nella respirazione. Anche la secchezza della bocca e uno strano pallore dovranno metterti in allarme. Potrebbe infatti trattarsi di un'infezione in corso, se non addirittura di meningite.

I rimedi

Quando le mani fredde sono accompagnate da sintomi più specifici, dovresti recarti dal medico e chiede a lui come intervenire. Se però la ragione è semplicemente dovuta a una tua ipersensibilità al freddo, devi sapere che ci sono alcuni rimedi che puoi mettere in atto e buone abitudini da adottare. Prima di tutto, spalmarsi periodicamente una crema idratante piuttosto nutriente ti aiuterà non solo a contrastare la pelle secca, ma anche a stimolare la circolazione periferica.

E uno stimolo arriva anche dall'attività fisica, che ti consiglio di fare tutti i giorni, ritagliandoti almeno una camminata di mezz'ora. Non serve uno specialista per accorgersi che, mentre ti muovi, inizi anche a scaldarti.

Se poi il problema ti coglie mentre sei in ufficio o comunque quando devi lavorare al computer e le tue dita non sembrano volerne sapere, potrebbe aiutarti tenere per qualche minuto le mani sotto le tue braccia. Il calore corporeo infatti favorisce la ripresa della circolazione. Un'altra soluzione è quella di andare in bagno e riscaldare le dita con l'acqua a temperatura ambiente. Mi raccomando, però, non deve essere troppo calda. Per difendersi infatti la tua pelle potrebbe ridurre la sensibilità, con la conseguenza che i tuoi arti saranno ancora più gelidi.

Evita invece di esagerare con le bevande alcoliche e di fumare troppe sigarette. Entrambe le sostanze facilitano la vasocostrizione delle arterie e quindi peggioreranno il problema delle mani fredde. Al contrario di quello che comunemente si pensa, dunque, nemmeno il vino rosso scalda.

Se poi è sera, allora la risposta è davvero facile: prepara un film, una coperta e una tisana calda. A questo punto convinci il tuo partner ad abbracciarti, nonostante tu sia un pezzo di ghiaccio, e il gioco è fatto!

Fonti| Humanitas; L'altra riabilitazione

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.