Perché ho il naso chiuso e quali sono i rimedi

Avere il naso chiuso è un disagio, che può colpire chiunque soprattutto in caso di raffreddore, influenza o di allergia. Spesso, però, non è legato a un’infezione virale. Quali sono quindi le cause più frequenti di questo problema e come si può risolvere?
Valentina Rorato 12 Settembre 2022
* ultima modifica il 08/10/2022

Il naso chiuso è il risultato di un’infiammazione del naso, provocata da raffreddore, influenza o sinusite, ma anche allergie, fumo di tabacco o i gas di scarico dell'auto. Quali sono i sintomi e come si cura?

Che cos’è

Il naso chiuso è un disturbo comune e fastidioso. Si verifica quando i tessuti interni che lo rivestono si irritano. L'irritazione innesca una reazione a catena di infiammazione, gonfiore e produzione di muco, rendendo difficile respirare con il naso.

Il naso è la prima linea di difesa quando si tratta di proteggere il corpo da agenti esterni.  L’aria che passa può trasportare sporco, particelle e allergeni, per questo motivo l’interno è rivestito di peli e ciglia, che intrappolano gli intrusi. Quando starnutisci o ti soffi il naso, stai eliminando “lo sporco”. A volte, però, i peli del naso e le ciglia non sono in grado di funzionare come barriera. Se ciò accade, il tessuto che riveste l'interno del naso si infiamma e inizia a gonfiarsi. Quindi, il tuo sistema immunitario entra in azione, inondandolo di muco che ha lo scopo di lavare via gli intrusi.

A volte la congestione scompare in una settimana, altre può essere più persistente e durare giorni, se non mesi, soprattutto se sei allergico o sensibile ad agenti esterni, come polline, fumo di tabacco o peli di animali domestici.

Le cause

Le cause del naso chiuso possono essere:

  • Raffreddore
  • Influenza
  • Sinusite
  • Febbre da fieno o altre allergie
  • Uso di alcuni spray nasali o gocce acquistati senza prescrizione medica per più di 3 giorni
  • Polipi nasali
  • Gravidanza
  • Rinite vasomotoria
  • Sindrome di Churg-Strauss
  • Setto nasale deviato
  • Aria secca
  • Adenoidi ingrandite
  • Cibo, in particolare piatti speziati
  • Corpo estraneo nel naso
  • Granulomatosi con poliangioite (granulomatosi di Wegener)
  • Cambiamenti ormonali
  • Virus respiratorio sinciziale(RSV)
  • Apnea notturna
  • Disturbi della tiroide

I sintomi

I sintomi del naso chiuso sono davvero semplici da identificare:

  • Difficoltà a respirare attraverso il naso.
  • Produzione di muco dal naso, noto anche come naso che cola

Le persone che ne soffrono tendono a respirare con la bocca e i neonati possono avere difficoltà a bere il latte sia dal seno sia dal biberon.

La diagnosi

Il naso chiuso non desta mai molta preoccupazione, però fai attenzione perché se non guarisce nel giro di qualche giorno è importante capire quale sia la causa. Il medico potrebbe richiedere degli esami per formulare la diagnosi, tra cui un tampone, una scansione tomografia computerizzata (TC) e un’endoscopia nasale.

La cura

La cura del naso chiuso dipende molto dalla causa. Se è un sintomo di rinite non allergica potrebbe esserti consigliato fare dei lavaggi nasali, assumere degli antistaminici o usare degli spray nasali a base di corticosteroidi o di bromuro di ipratropio. Se invece il problema è allergico, saranno sicuramente prescritti antistaminici o corticosteroidi (per via orale e in spray).

I rimedi casalinghi

I rimedi casalinghi sono molto efficaci in caso di congestione nasale. Ricordati di:

  • Bere molta acqua e liquidi, perché aiutano a fluidificare il muco e ad alleviare la congestione.
  • Usare uno spray nasale salino o fai dei lavaggi nasali.
  • Applicare i cerotti sul naso per aprire i passaggi nasali
  • Utilizzare umidificatori per inumidire l'aria in casa e/o sul posto di lavoro.

Fonte | Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.