Perché quando dormo al pomeriggio sto male?

Lo si chiama pisolino rigeneratore ma spesso l’effetto è proprio l’opposto. Addormentarsi nel pomeriggio magari per un’oretta ha degli effetti collaterali devastanti, perché potrebbe farti sentire più stanco, irritabile e con molta fatica a concentrarti. Ma come mai? E’ solo una questione di cicli del sonno.
Valentina Rorato 18 Maggio 2021
* ultima modifica il 29/06/2021

La stanchezza pomeridiana è difficile da gestire e talvolta sdraiarti sul letto, chiudere gli occhi o appoggiare la testa sulla scrivania ti sembrano gli unici modi per contrastarla. Ma quante volte ti sei svegliato ancora più di stanco, magari di cattivo umore o con un cerchio alla testa? Ti sei mai chiesto perché?

La causa della stanchezza pomeridiana

Molti fattori possono contribuire al crollo pomeridiano. Esaminare il sonno, la dieta, l'esercizio fisico e altri elementi del tuo stile di vita può aiutarti a capire le cause di questa stanchezza.

  • Interruzione del ritmo circadiano: il ritmo circadiano è il modo in cui il tuo corpo si regola quando ti senti vigile e quando ti senti stanco. L'esposizione alla luce e le abitudini del sonno influiscono maggiormente sul ritmo circadiano. Il lavoro a turni, lo svegliarsi presto e l'uso dell'elettronica possono interrompere questo ciclo.
  • Mancanza di movimento quotidiano: se non ti alleni regolarmente, è più probabile che sperimenterai livelli di energia inferiori durante il giorno.
  • Pasti sbilanciati: mangiare cibi ricchi di zuccheri e carboidrati può portare a un picco di zucchero nel sangue, causando affaticamento e letargia.
  • Debito del sonno: non dormire abbastanza può portare a una significativa stanchezza.
  • Stress: essere stressati al lavoro può influire sulla capacità del corpo di rimanere vigile e rinfrescato. E può un impatto negativo sulla quantità di sonno durante la notte.
  • Problemi di salute fisica: se hai determinate condizioni mediche, come una malattia autoimmune, potresti sentirti più stanco durante il giorno.

Come superarla

Adesso che conosci le cause, superare la stanchezza pomeridiana può essere più semplice. Devi:

  • Segui uno stile di vita regolare
  • Fai un po’ di movimento (150 minuti di attività alla settimana)
  • Mangia bene e non esagerare con gli zuccheri
  • Fai un pisolino: se puoi, fai un pisolino da 15 a 30 minuti prima o dopo aver mangiato il pranzo. Questo breve periodo di riposo può ridurre la sonnolenza e renderti più vigile e reattivo.
  • Chew Gum: il semplice atto di masticare un pezzo di gomma può aumentare la vigilanza, migliorare le prestazioni lavorative e ampliare l'attenzione.

Perché sono stanco e irritabile

Poco sopra ti è stato consigliato di fare un breve pisolino per recuperare la forma, ma quante volte succede che dopo ti senti peggio? Quella familiare sensazione di stordimento è chiamata " inerzia del sonno " e significa che il tuo cervello vuole continuare a dormire e completare un ciclo di sonno completo. L'inerzia del sonno deriva dal risveglio improvviso dal sonno profondo o dal sonno a onde lente, che è il tipo di sonno che inizia a verificarsi dopo 30 minuti di risposo. Ecco perché il tuo pisolino non deve mai superare i 30 minuti.

Irritabilità, o qualsiasi forma di cattivo umore dopo un pisolino, non è tanto un effetto collaterale di per sé, ma un altro effetto collaterale dell'inerzia del sonno. A nessuno piace essere strappato da un buon riposo.

Se hai abbastanza tempo per fare un pisolino per un intero ciclo di sonno, che dura circa 90-120 minuti, approfitta. Ma ovviamente è una situazione che difficilmente è compatibile con gli impegni di famiglia o professionali. Inoltre, per combattere la stanchezza del risposo, alzati subito dal letto, appena ti svegli, ed esponiti alla luce del giorno naturale aprendo tende o persiane per assicurarti che il tuo corpo sappia che non è ora di andare a letto e che ci sono ancora cose da fare.

Fonte | Auxologico

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.