Polidattilia: le cause all’origine di un dito in più nelle mani o nei piedi

Quando si parla di polidattilia si intende la presenza di uno più dita in aggiunta a mani e/o piedi. Non sappiamo ancora indicare una causa precisa, ma è un problema facilmente riconoscibile perché lo puoi vedere chiaramente ad occhio nudo. Ecco tutto quello che c’è da sapere, ma non ti devi preoccupare non è nulla di grave.
Valentina Danesi 14 Luglio 2021
* ultima modifica il 14/09/2021

La polidattilia è un'anomalia fisica che ha origine da una mutazione genetica e provoca la presenza di un numero di dita superiore a 5 nelle mani o nei piedi. Potrebbe trattarsi di un semplice fenomeno isolato oppure essere il segnale di un problema più diffuso, che potrebbe comportare altre alterazioni sempre a livello fisico. Proviamo allora a capire meglio di cosa si tratti.

Cos’è

Se soffri di polidattilia significa che nelle mani o nei piedi hai almeno un dito in più rispetto alle altre persone. Possiamo però fare una distinzione tra le varie forme in base a dove si trova questo dito in eccesso:

  • postassiale, il dito è posizionato in fondo (dopo il mignolo)
  • preassiale, il dito si trova prima del pollice
  • centrale, il dito si trova al centro della mano o del piede

Non è detto che colpisca entrambi i piedi o le mani (forma bilaterale), ma accade nella metà dei casi.

Si parla anche di esadattilia quando a essere in più è solo un dito e non due. Inoltre, la parte in eccesso può risultare completamente formata, ovvero completa di falangi e struttura ossea, oppure presentare solo il tessuto. Si tratta comunque di una condizione rara, che colpisce più o meno un bambino ogni 3mila e a risultare più a rischio sono i maschi.

Cause 

La causa principale della polidattilia è una mutazione genetica. Tieni presente che questa condizione viene facilmente diagnosticata già durante il periodo prenatale.

Colpisce un bambino ogni 3000 e in particolare i maschi.

Non sarà difficile per il tuo ginecologo di fiducia riscontrare quest’anomalia, e diciamo ginecologo non a caso, ma proprio perché questo problema può essere diagnosticato appunto durante la gravidanza. Una causa abbastanza frequente è la presenza della Trisomia 13, chiamata anche Sindrome di Patau: una patologia che, se hai già avuto modo di conoscere, saprai che si mostra mostra con:

  • ritardo nella crescita
  • polidattilia
  • difetti cranio-facciali
  • problemi o malformazioni oculari

Bisogna anche dire però che in quasi la metà dei casi non è semplice individuare una causa specifica.

I sintomi

Il sintomo più evidente di polidattilia è, appunto, la presenza di almeno un dito in più su una mano o su un piede, quando non su entrambi. A meno che questa condizione non si riveli sindromica, questa sarà anche l'unica manifestazione che potrai vedere. 

La diagnosi 

La diagnosi di polidattilia viene effettuata semplicemente osservando le tue mani e i tuoi piedi. Per avere un quadro più completo della situazione e indagare meglio sulle cause del problema, però, verrai sottoposto ai Raggi X. Questo esame è permette di capire a livello di struttura ossea qual è lo stato del tuo piede o della tua mano. O di entrambi nel caso in cui il problema sia esteso. Se però il dubbio è che la causa sia genetica è molto probabile che il medico ti proponga di sottoporti ad analisi di tipo genetico per individuare eventuali anomalie cromosomiche.

La cura 

Sicuramente la cura prevista è l’intervento chirurgico perché, come potrai immaginare, è l'unico modo per eliminare un dito in eccesso che magari ti provoca problemi nei movimenti. L'operazione non viene consigliata a tutti di default, perché è necessario valutare prima che non metta a rischio i movimenti in un secondo momento. Bisogna anche aggiungere però che questo tipo di interventi ad oggi hanno un ottimo successo e permettono di ottenere un risultato molto soddisfacente, a livello sia fisico che estetico. Non dimenticare, poi, che anche la riabilitazione ha un ruolo molto importante per farti recuperare al meglio l’uso degli arti operati.

Fonte| Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.