Quale dieta seguire per vivere più a lungo? Uno studio individua quattro modelli alimentari

Fare molta attenzione alla dieta non significa solo mantenersi in linea, ma preservare la propria salute. Sono stati individuati, da un recente studio di coorte, quattro modelli alimentari che possono ridurre il rischio di morte prematura del 20% e l’unica cosa che devi fare è mangiare bene.
Valentina Rorato 19 Gennaio 2023
* ultima modifica il 19/01/2023

Avere una vita lunga e felice è un po’ il sogno di tutti. Nella quotidianità, però, si commettono molti errori, come mangiare male o essere sedentari, che possono mettere a rischio questo sogno. Un nuovo studio ha infatti dimostrato che è possibile ridurre il rischio di morte prematura di quasi il 20%, semplicemente seguendo quattro modelli alimentari sani. Quali sono queste diete e quali alimenti favoriscono?

Lo studio, pubblicato su JAMA Internal Medicine, ha rilevato che le persone che hanno seguito "diete di altissima qualità" avevano il 20% in meno di rischio di morire prematuramente di cancro, malattie cardiovascolari e malattie respiratorie e neurodegenerative durante lo studio.

Le "diete di altissima qualità" includevano i quattro indici più famosi di modello dietetico: Healthy Eating Index 2015, Alternate Mediterranean Diet, Healthful Plant-based Diet Index e Alternate Healthy Eating Index. E i cibi? Tutte queste diete favoriscono il consumo di cereali integrali, frutta, verdura, noci e legumi, sebbene altri componenti differiscano a seconda dei diversi modelli alimentari.

Lo studio

I ricercatori hanno utilizzato i dati sulla salute raccolti in 36 anni da due studi a lungo termine. Il primo ha esaminato 75.230 donne del Nurses Health Study (1984-2020) e il secondo ha esaminato 44.085 uomini del Health Professionals Follow-Up Study (1986-2020). Tutti i partecipanti non soffrivano di malattie cardiovascolari o cancro all'inizio della ricerca e hanno dovuto completare dei  questionari sulla frequenza alimentare ogni quattro anni (a partire dal 1984 per il NHS e nel 1986 per l'HPFS), consentendo ai ricercatori di determinare quanto strettamente aderissero a uno dei quattro modelli alimentari sani.

"Questo è uno degli studi di coorte più grandi e più duraturi per esaminare i modelli dietetici raccomandati e il rischio a lungo termine di morti premature e morti per malattie importanti", ha detto il dottor Frank B. Hu, della Harvard TH Chan School di Boston.

Le diete usate come modelli salutari sono prima di tutto la Dieta Mediterranea, che propone il consumo di frutta, verdura, cereali integrali, noci, legumi, pesce e un'elevata quantità di olio d'oliva. "Questo modello dietetico enfatizza i grassi sani, in particolare i grassi monoinsaturi, oltre a cibi a base vegetale e alcol moderato", ha affermato. Poi la dieta salutare a base vegetale, che si concentra sul consumo di più prodotti vegetali e dà punti negativi per tutti i prodotti animali e qualsiasi  tipoalcol. "Scoraggia anche opzioni relativamente salutari, come il pesce o alcuni latticini", ha detto Hu, aggiungendo che il piano disapprova cibi malsani a base vegetale come i prodotti a base di patate.

L' Healthy Eating Index, invece, monitora se le persone seguono le linee guida nutrizionali di base degli Stati Uniti, che incentiva il consumo di cibi sani a base vegetale, disapprova la carne rossa e lavorata e scoraggia il consumo di zuccheri aggiunti, grassi malsani e alcol. L' Alternate Healthy Eating Index, infine, è stato sviluppato ad Harvard e utilizza le "migliori prove disponibili" per includere alimenti e sostanze nutritive più fortemente associati a un minor rischio di malattie croniche. "Abbiamo incluso esplicitamente noci, semi, cereali integrali e un minor consumo di carni rosse e lavorate e bevande zuccherate", ha aggiunto. “È consentito un consumo moderato di alcol”.

Le persone spesso si annoiano mangiando sempre le stesse cose o con lo stesso schema dietetico, ha spiegato Hu, "quindi questa è una buona notizia. Significa che abbiamo molta flessibilità in termini di creazione dei nostri modelli dietetici sani che possono essere adattati alle preferenze alimentari individuali, alle condizioni di salute e culture”. E ha aggiunto degli esempi concreti: “Se stai mangiando mediterraneo e dopo alcuni mesi vuoi provare qualcosa di diverso, puoi passare a una dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) oppure puoi passare a una dieta semi-vegetariana”.

Fonte | Healthy Eating Patterns and Risk of Total and Cause-Specific Mortality pubblicato su JAMA Internal Medicine il 9 gennaio 2023

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.