Quando si parla di febbre nell’adulto e nel bambino?

Ognuno di noi ha una temperatura corporea leggermente diversa, chi più alta, chi più bassa, e il tipo di misurazione (interna o esterna) fa oscillare fino 0.5 °C il responso del termometro. Esistono dei parametri per comprendere se un adulto o un bambino ha la febbre, che ti permettono anche di capire quando devi chiamare il medico.
Valentina Rorato 17 Giugno 2021
* ultima modifica il 01/07/2021

Quante volte solo perché hai avuto un brivido, ti sei misurato la febbre? Il tema della temperatura corporea, soprattutto negli ultimi di 18 mesi a causa della pandemia di Covid 19, ha tenuto banco in tutte le case. Se hai più di 37.5 ° non puoi entrare nei negozi e nelle attività commerciali, i bambini non possono andare a scuola, non puoi recarti dal dentista o fare una vista specialistica. Ma quando si parla di febbre?

Febbre nell'adulto e nel bambino

Nell'adulto

La temperatura corporea normale per un adulto è circa 37 ° C, ma la temperatura corporea di base di ogni persona è leggermente diversa e può essere costantemente un po' più alta o più bassa. Inoltre, le letture della temperatura variano a seconda di dove sul corpo una persona effettua le misurazioni. Per esempio le letture rettali, orali o all’orecchio sono superiori a quelle alle ascelle.

Fattori che influenzano la temperatura

  • Età
  • Sesso di una persona
  • Ora del giorno
  • Livelli di attività
  • Assunzione di cibo e liquidi
  • Ciclo mestruale

Si parla di febbre, negli adulti, quando la temperatura è superiore ai 38 ° C.  È normale invece un’oscillazione tra i 36 e i 37.5 ° C. Quando chiamare il medico? Si consiglia di avvisare il dottore se la febbre supera i 40 ° C. Tra i 38 ° C e i 40 ° C dovrebbe essere causata da lievi infezioni e non destare preoccupazione, mentre oltre i 40 ° C può diventare pericolosa.

Nei bambini

La temperatura corporea nei bambini di età compresa tra 3 e 10 anni varia tra i 36 e i 37.5, mentre i bambini tra 0 e 2 anni hanno una temperatura più elevata, tra i 36.5 e i 38. Inoltre, può aumentare leggermente quando un bambino sta mettendo i denti. Come mai è più alta? Perché ha una superficie corporea più ampia rispetto al suo peso corporeo. I loro corpi sono anche più metabolicamente attivi, il che genera calore. E poi, i bimbi piccoli non sono in grado di regolare la loro temperatura, come fanno gli adulti: sudano meno quando fa caldo, il che significa che tendono a surriscaldarsi. Quando chiamare il medico? I piccoli di età compresa tra 3 mesi e 3 anni che hanno la febbre con una temperatura inferiore a 38.5 °C non hanno sempre bisogno di medicine. Chiama il medico se il bambino supera i 39 ° C o ha una temperatura inferiore ma ti sembra disidratato e continua a vomitare o ad avere scariche di diarrea.

Quale termometro scegliere?

Sono disponibili molti tipi di termometri e il metodo migliore dipende dall'età di una persona:

  • da 0 a 3 mesi – misurazione rettale
  • da 3 mesi a 3 anni- temperatura rettale, orecchio o ascella
  • da 4 a 5 anni – temperatura orale, rettale, orecchio o ascella
  • 5 anni all'adulto – temperatura orale, orecchio o ascella

Se una lettura della temperatura è insolitamente alta o bassa, eseguire un'altra lettura dopo circa 5-10 minuti. Se qualcuno non è sicuro che la lettura sia corretta, può eseguire un'altra misurazione con un termometro diverso.

Fonti| Istituto superiore di sanità; "How is body temperature regulated and what is fever?" pubblicato su InformedHealth.org  il 17 novembre 2016

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.