Quando si perdono le acque e che cos’è la rottura prematura delle membrane (PROM)

La perdita delle acque, prima del travaglio, si chiama rottura prematura delle membrane ed è un evento abbastanza frequente, che però deve essere gestito come un’emergenza medica, perché il bimbo – ancora nel pancione – una volta perso il liquido amniotico non è più in un ambiente protetto.
Valentina Rorato 1 Dicembre 2022
* ultima modifica il 03/12/2022

Se il sacco amniotico si rompe  prima dell'inizio del travaglio, si parla di rottura di rottura prematura delle membrane  Può verificarsi in qualsiasi momento durante la gravidanza ed è considerata una complicazione.

Rottura prematura delle membrane

Che cos’è

La rottura prematura delle membrane (PROM) è una complicanza della gravidanza e avviene quando il sacco (membrana amniotica) che circonda il bambino si rompe dopo la 37a settimana di gravidanza.

Ma facciamo un piccolo passo indietro per comprende meglio la parte anatomica: le membrane fetali sono anche chiamate membrane corioamniotiche e costituiscono il sacco amniotico. All'interno del sacco amniotico c'è il liquido amniotico. Il feto si sviluppa in una bolla di liquido che lo protegge da shock e infezioni. Quando il sacco amniotico si rompe, rilascia il liquido, motivo per cui molte persone lo descrivono come "la rottura delle acque". Normalmente, questo si verifica subito prima del travaglio , o talvolta anche durante il travaglio, ed è associato alle contrazioni uterine. Se le membrane si rompono in assenza di contrazioni uterine, ciò ha nomi diversi a seconda di quando accade durante la gravidanza.  Se si rompono dopo la 37esima settimane, si parla semplicemente di rottura prematura delle membrane, o PROM in breve. Se le membrane si rompono prima delle 37 settimane di gestazione, si parla di rottura prematura pretermine delle membrane, o pPROM.

Perché può essere un rischio? Una volta che il sacco si rompe, il bimbo non è più in un ambiente sterile e quindi c’è un aumentato rischio di infezione. Hai anche maggiori possibilità di far nascere il tuo bambino in anticipo. Si verifica nel 3% delle gravidanze ed è la causa di circa un terzo dei parti prematuri. Può portare a significativa morbilità perinatale, tra cui sindrome da distress respiratorio, sepsi neonatale, prolasso del cordone ombelicale, distacco della placenta e morte fetale.

Causa

La causa della rottura prematura delle membrane, nella maggior parte dei casi, non è nota e non c'è modo di impedire che ciò accada. Si crede l'evento sia condizionato  da infezioni vaginali ed urinarie, per diffusione di agenti infettivi per via ascendente. Esistono, però, delle mamme che sono particolarmente a rischio. I fattori da non sottovalutare sono:

  • Avere avuto un parto pretermine in una precedente gravidanza
  • Avere un'infezione nel sistema riproduttivo
  • Aver sofferto di sanguinamento vaginale durante la gravidanza
  • Fumare durante la gravidanza

Sintomi

I sintomi possono verificarsi in modo leggermente diverso in ogni gravidanza e possono essere simili ad altre condizioni. Possono includere:

  • Un improvviso getto di fluido dalla tua vagina
  • Perdita di liquido dalla vagina
  • Una sensazione di umidità nella vagina o nella biancheria intima

Insieme alla perdita di liquido amniotico possono associarsi anche perdite vaginali muco-ematiche, perdite ematiche e sensazione di pressione a livello pelvico.

Diagnosi

In caso di perdite, chiare o scure, la cosa importante è avvisare subito il medico, che ti farà domande generiche sulla gravidanza e poi ti visiterà, probabilmente con uno speculum per guardare all'interno della vagina. Cercherà perdite di liquido dalla cervice. Per la diagnosi, potrebbero essere inoltre effettuati degli esami:

  • Test dell'equilibrio del pH (acido-base). L'equilibrio del pH del liquido amniotico è diverso dal liquido vaginale e dall'urina. Il tuo medico metterà il fluido su una striscia reattiva per controllare l'equilibrio.
  • Ecografia per controllare la quantità di liquido amniotico attorno al tuo bambino.

Cura

Il trattamento dipenderà dai sintomi, dalla gravidanza e dalla salute generale. Dipenderà anche dalla gravità della tua condizione. Di solito la mamma viene ricoverata e potrebbero essere somministrati dei farmaci:

  • Corticosteroidi. Questi medicinali possono aiutare i polmoni del tuo bambino a crescere e maturare. Se il tuo bambino nasce prematuro, i suoi polmoni potrebbero non essere in grado di funzionare da soli.
  • Antibiotici. Potresti averne bisogno per prevenire o curare un'infezione.
  • Farmaci tocolitici. Questi sono usati per fermare il travaglio pretermine.

Se la gravidanza ha superata la 34esima settimana, potrebbe essere indotto il travaglio. Prima, valuterà il medico in base alla salute della mamma e allo sviluppo del bambino.

Fonte |Ospedali Civili

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.