Quei famosi brufoletti rossi sulla barba o sulle gambe? È la follicolite

È l’infezione dei follicoli piliferi, ovvero le piccole sacche che contengono i peli della tua pelle o i capelli. La follicolite può verificarsi in seguito ad un’infezione provocata da un fungo, da un virus o da battere come lo Staphylococcus aureus oppure può insorgere, per esempio, a causa di un pelo incarnito. Nella maggior parte dei casi si risolve da sola, altre volte invece il medico potrebbe scegliere di prescriverti dei trattamenti farmacologici.
Kevin Ben Alì Zinati 30 Luglio 2020
* ultima modifica il 10/08/2020

Quando senti parlare di follicolite pensi a quei piccoli brufoli un po’ noiosi che si formano sulla tua pelle più o meno in corrispondenza dei peli. Questo succede perché la follicolite è un'infezione dei follicoli piliferi ed è un disturbo che può verificarsi a tutte le età e in egual misura negli uomini così come nelle donne. Nei maschi la follicolite colpisce prevalentemente le aree del viso in corrispondenza della barba mentre nelle donne sono le braccia, le gambe o le ascelle e le zone dei glutei ad essere più soggette a questa infiammazione. La follicolite può insorgere praticamente in tutte le aree del corpo a patto che ci siano peli o capelli: se ci pensi, infatti, puoi notare che i famosi brufoletti non ti sono mai venuti né sui palmi delle mani né sulle piante dei piedi dal momento che non ci sono follicoli piliferi.

Cos’è

La follicolite consiste in un'infiammazione o nell'infezione acuta della parte superiore del follicolo pilifero. Sul tuo corpo ci sono circa 5 milioni di follicoli piliferi: li puoi immaginare come delle piccole sacche nella pelle al cui interno è contento un pelo o un capello se pensi ai follicoli piliferi presenti sul tuo cuoio capelluto. Generalmente la follicolite può essere di due tipi:

  • superficiale: si tratta di casi lievi che di norma, come vedrai più avanti, si risolvono da soli
  • profonda: a prescindere dalla causa che l’ha scatenata, se non trattata adeguatamente potrebbe dare origine per esempio a una foruncolosi

Cause

La follicolite può dipendere da diverse cause che, a volte, non sono sempre palesemente individuabili. A seconda dell’origine, puoi fare un’altra distinzione tra follicolite infettiva e fllicolite non infettiva.

Follicolite infettiva

Come puoi intuire dal nome, una delle cause più frequenti dietro all’insorgere di una follicolite è l’infezione da parte di un agente esterno che tendenzialmente può essere:

  • Batteri: i due più tipici sono lo Staphylococcus aureus e lo Pseudomonas aeruginosa
  • Funghi
  • Virus

Ci sono poi delle circostanze che possono favorire l’infezione:

  • Gli sfregamenti della pelle contro tessuti particolarmente ruvidi
  • Una sudorazione eccessiva
  • La presenza di malattie infiammatorie come l’acne
  • Abrasioni o escoriazioni
  • L’applicazione di cerotti
  • Diabete 
  • Obesità
  • Punture d’insetto

Follicolite non infettiva

In tutti gli altri casi, invece, in cui la follicolite non ha origine da batteri, funghi o virus vi possono essere altre cause e per questo puoi distinguere tra:

  • Follicolite da barba: succede quando il pelo prima ancora di uscire dal follicolo pilifero penetra nella pelle e causa un’infezione da cui si originano l’infiammazione, l’irritazione e la comparsa dei famosi brufoletti di cui ti ho parlato all’inizio. In questo caso, tuttavia, non si tratta di una vera e propria follicolite siccome si verifica come conseguenza di un classico pelo incarnito: per questo potresti anche sentirla chiamare pseudofollicolite
  • Follicolite da oli minerali: possono provocare l’infiammazione dei follicoli piliferi e si verifica frequentemente in corrispondenza degli avambracci
  • Follicolite cheloidea: è tipica degli uomini caratterizzati dai capelli ricci e provoca delle pustole e successivamente delle croste sulla nuca che causano cicatrici cheloidee

Sintomi

Nel caso in cui fossi colpito da una follicolite, potresti riconoscerla da alcuni sintomi classici. Se fosse una follicolite superficiale, che poi è la forma più classica, oltre al prurito vedresti prima di tutto la comparsa di infiammazioni di colore rosso, o giallo se all’interno vi è del pus, attorno al follicolo pilifero. Se la follicolite dovesse aggravarsi, potrebbero svilupparsi delle vescicole purulente con una piccola crosta.

Se invece la follicolite fosse più profonda, allora a tutti i sintomi che ti ho appena descritto dovresti purtroppo aggiungere anche una sensazione di dolore.

Trattamento

Il trattamento di una follicolite dipende dalla forma e dalla causa che la origina. Uno degli aspetti positivi della follicolite è che quando è superabile e quindi in forma lieve spesso guarisce da sola e l’unico “trattamento” che potresti seguire è una buona igiene del corpo con saponi neutri e antibatterici. Per la follicolite infettiva, provocata quindi da batteri, funghi o virus potresti dover ricorrere invece a un trattamento farmacologico con:

  • antibiotici
  • antisettici
  • antifungini
  • antimicotici
  • antivirali

Prima di intervenire su una qualsiasi forma di follicolite, tuttavia, è strettamente necessario passare dal consulto con il tuo medico che è l’unico in grado di suggeriti la cura più giusta per la tua condizione.

Prevenzione

Per la follicolite non esiste una forma univoca di prevenzione, ti suggerisco però alcuni piccoli comportamenti o abitudini che possono aiutarti a contrastare l’eventuale insorgenza dell’infiammazione o dell’infezione ai follicoli piliferi:

  • Ricordati di non tenere per lungo tempo la pelle a stretto contatto con materiali ruvidi
  • Fai attenzione ai vestiti troppo stretti e aderenti: la traspirazione delle pelle è più difficile e favoriscono l’insorgenza dei peli incarniti
  • Quando ti radi, prova a seguire la direzione del pelo e a non andare contropelo 
  • Nel caso in cui avessi delle lesioni pruriginose, fai attenzione a non grattarle con troppa violenza
  • Cerca di evitare le condizioni o gli ambienti che potrebbero provocati una sudorazione eccessiva
  • Non abbondare con i prodotti oleosi topici che potrebbero trattenere sulla pelle batteri responsabili di infezioni

Fonti | Humanitas; Mayo Clinic

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.