Sai cos’è la dieta mediterranea “verde”? Aiuta a dimagrire e a proteggere ancora di più la tua salute cardiocircolatoria

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Heart, un regime alimentare mediterraneo variato, con ancora meno carne rossa e pollame e più verdure e alimenti di origine vegetale, non solo aiuterebbe il processo di dimagrimento ma contribuirebbe anche alla riduzione del colesterolo cattivo e al miglioramento di diversi indicatori del rischio cardiometabolico, come la resistenza all’insulina e i livelli di proteina C-reattiva.
Kevin Ben Alì Zinati 25 Novembre 2020
* ultima modifica il 01/12/2020
In collaborazione con la Dott.ssa Silvia Soligon Biologa nutrizionista

Dimagrire migliorando la salute cardiocircolatoria. Per arrivare alla formula vincente, il segreto starebbe nella dieta mediterranea “verde”. Una variante “green” che prevede appunto un quantitativo ancora più basso di carne rossa e di pollame in favore, invece, di maggiori dosi di verdure e alimenti di origine vegetale. Lo suggerisce una ricerca pubblicata sulla rivista Heart: secondo i ricercatori della Ben-Gurion University of the Negev, in Israele, una dieta mediterranea “modificata” sarebbe ancora più efficace per la salute cardiovascolare e per quella metabolica rispetto alla dieta normale grazie agli effetti benefici dei polifenoli, i cosiddetti grassi “sani” contenuti per esempio nell’olio d’oliva o nelle fibre. E l’hanno dimostrato con un esperimento.

L’esperimento

Per testare l’efficacia della dieta mediterranea “verde”, i ricercatori hanno organizzato un campione comprendente 294 soggetti con un’età media di 51 anni, sedentari e moderatamente obesi, e li hanno divisi in tre gruppi. Al primo sono state fornite indicazioni per migliorare l’efficacia dell’attività fisica e per impostare una dieta sana, al secondo sono stati dati consigli per seguire una dieta mediterranea classica (con un massimo di 1800 kcal al giorno per gli uomini e 1400 kcal al giorno per le donne), ricca di verdure, con la carne rossa sostituita da pollo e pesce e con l’aggiunta di 28 grammi giornalieri di noci. Il terzo gruppo, invece, doveva seguire una dieta mediterranea “verde”: un regime alimentare con un contenuto calorico ancora più ridotto, con 28 grammi al giorno di noci, 3-4 tazze di tè verde quotidiane e 100 grammi di cubetti congelati di Wolffia globosa, una lenticchia d’acqua ricca di proteine.

I risultati

Gli effetti dell’esperimento sono stati valutati a sei mesi di distanza e dai risultati i ricercatori hanno scoperto che chi seguiva la dieta mediterranea “verde” aveva perso 6,2 chili, un valore maggiore sia rispetto ai soggetti del gruppo della dieta mediterranea normale (5,4 kg) sia rispetto a quelli sottoposti a una semplice dieta sana (1,5 kg).

Ma non è tutto, perché oltre a una riduzione della circonferenza della vita (di 8,6 centimetri), i pazienti del gruppo della dieta verde avevano anche visto un’importante riduzione del colesterolo “cattivo”, associata di riflesso a un miglioramento di diversi fattori e marcatori di rischio cardiometabolico come la resistenza all’insulina e i livelli di proteina C-reattiva.

Il parere dell’esperto

Anche la dottoressa Silvia Soligon, biologa nutrizionista, ci ha spiegato le importanti prospettive aperte da questo nuovo studio:

“Quando ci poniamo l’obiettivo dimagrire, tutti dovremmo concentrarci sulla riduzione dei depositi di grasso a livello addominale: oltre al dimagrimento, infatti, osserveremmo anche una riduzione del rischio cardiometabolico. Il grasso che si deposta a livello dei visceri, infatti, non è un grasso inerte ma produce sostanze che influenzano il rischio cardiovascolare ed è per esempio associato anche a un aumento del deposito di grassi nel fegato, quindi alla steatoepatite non alcolica, che è un'altra complicanza dell’obesità. Dimagrire perdendo grasso a livello viscerale aiuta quindi a contrastare questo tipo di complicanze. 

La dieta mediterranea verde dimostra che per ottenere questi miglioramenti desiderati è utile aumentare il consumo di alimenti di origine vegetale, probabilmente anche perché contengono sostanze come i fitosteroli, che regolano l’assorbimento del colesterolo a livello intestinale.

La ricerca dimostra dunque che dimagrire a livello della circonferenza della vita aumentando il consumo di alimenti di origine vegetale, preferendoli ad altri di origine animale, può aiutare a migliorare i parametri cardiometabolici."

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.