Sclerosi multipla: il virus della mononucleosi potrebbe essere un fattore scatenante

Secondo una ricerca della Harvard esiste una relazione causa effetto tra l’ infezione dell’herpes virus umano Epstein-Barr e il possibile sviluppo della sclerosi multipla. Com’è possibile?
Valentina Rorato 20 Gennaio 2022
* ultima modifica il 20/01/2022

È stata scoperta una nuova connessione tra l'herpes virus umano Epstein-Barr e la sclerosi multipla (SM). Si tratta di una relazione, in realtà, che da molto tempo si sospettava, ma i ricercatori hanno fatto fatica a dimostrare l'esistenza.  Il virus di Epstein-Barr (EBV) è la causa principale della mononucleosi, la famigerata malattia del bacio, ed è così comune che pare infettare il 95% degli adulti, anche se la maggior parte non ne ha idea. La sclerosi multipla è invece una malattia relativamente rara, che colpisce 2,8 milioni di persone nel mondo.

Qual è quindi la connessione? Le persone che contraggono la mononucleosi infettiva hanno un rischio leggermente maggiore di sviluppare la sclerosi. Per dimostrare che l'infezione da Epstein-Barr sia causa di sclerosi, uno studio di ricerca dovrebbe dimostrare che le persone non svilupperebbero la malattia se non fossero state prima infettate dal virus. Ovviamente, non è eticamente fattibile.

I ricercato della Harvard hanno utilizzato quello che stato battezzato “un esperimento della natura". Hanno utilizzato due decenni di campioni di sangue di oltre 10 milioni di giovani adulti in servizio attivo nell'esercito americano (i campioni sono stati prelevati per il test HIV di routine). Circa il 5% di questi individui erano negativi per Epstein-Barr quando hanno iniziato il servizio militare e 955 alla fine hanno sviluppato la Sclerosi. I ricercatori sono stati in grado di confrontare i risultati di coloro che sono stati successivamente infettati e quelli che non lo erano. I risultati, pubblicati il ​​13 settembre su Science, mostrano che il rischio di sclerosi multipla è aumentato di 32 volte dopo l'infezione da Epstein-Barr ma non dopo l'infezione con altri virus. "Questi risultati non possono essere spiegati da alcun fattore di rischio noto per la sclerosi multipla e suggeriscono EBV come la principale causa di SM", hanno scritto i ricercatori.

Nel nuovo studio, che è un'espansione molto più ampia di un'indagine del 2010, i ricercatori hanno analizzato fino a tre campioni di sangue per ogni individuo con sclerosi: il primo prelevato quando la maggior parte del personale militare aveva meno di 20 anni, l'ultimo prelevato anni dopo, prima dell'insorgenza della malattia, e uno nel mezzo.

Che cosa è emerso? Hanno identificato 801 militari che hanno sviluppato la sclerosi multipla durante il periodo di studio, scoprendo che 35 di questi erano risultati negativi al test per gli anticorpi specifici per EBV durante il campionamento iniziale del siero, ma col tempo tutte le persone tranne una sono state esposte al virus. Quindi 800 su 801 hanno contratto EBV prima di sviluppare la sclerosi multipla.

Il rischio di sviluppare la sclerosi era 32 volte maggiore per coloro che si erano sieroconvertiti dal terzo campione, rispetto a coloro che non lo facevano. Per quanto riguarda l'unico caso di SM in una persona rimasta negativa per Epstein-Barr, è possibile che la persona sia stata infettata dopo il prelievo del campione, ma è anche vero che, nelle malattie clinicamente definite dai sintomi, come la sclerosi, è altamente improbabile che il 100 percento dei casi derivi dalla stessa causa, anche se la maggior parte lo fa” ha raccontato Alberto Ascherio, epidemiologo della Harvard TH Chan School of Public Health.

Ma per essere sicuri che il colpevole fosse Epstein-Barr, Ascherio e i suoi colleghi hanno anche misurato gli anticorpi contro il citomegalovirus, un altro herpes virus, e non hanno riscontrato differenze nei livelli tra coloro che hanno sviluppato la sclerosi e quelli che non lo hanno fatto. Utilizzando un sottoinsieme di 30 casi di sclerosi e 30 controlli, hanno condotto una scansione per rilevare le risposte anticorpali alla maggior parte dei virus che infettano gli esseri umani. Ancora una volta, non c'era differenza. E per escludere la possibilità che l'infezione da Epstein-Barr abbia preceduto la sclerosi e non viceversa, il team ha anche misurato i livelli di una proteina che è elevata nel siero quando i neuroni sono feriti o muoiono e che quindi funge da marker dell'inizio del processo patologico prima della comparsa dei sintomi clinici. I livelli proteici sono aumentati solo dopo l'infezione da Epstein-Barr.

Tuttavia, rimane una domanda importante: in che modo il virus porta alla malattia? Non c’è ancora una risposta. Gli antivirali che prendono di mira l'EBV nei linfociti B infetti potrebbero essere una possibilità. Ma sono necessari ulteriori studi. E soprattutto, a questo punto, diventa importante sviluppare un vaccino contro l' herpes virus umano Epstein-Barr.

Fonte | "Longitudinal analysis reveals high prevalence of Epstein-Barr virus associated with multiple sclerosis" pubblicato su Science il 13 gennaio 2022

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.