Sclerosi multipla, posso diventare mamma e quali sono le difficoltà?

Soffrire di sclerosi multipla e avere un bambino, è possibile? Certo, è un desiderio che puoi realizzare. E’ importante però farsi seguire da team specializzato, come quello presente al Policlinico di Milano, che affianca la mamma dalla programmazione della gravidanza al dopo nascita, per assicurare la salute di tutti.
Valentina Rorato 11 Giugno 2021
* ultima modifica il 11/06/2021

Diventare mamma è il sogno di molte donne, ma se stai affrontando la tua battaglia contro la sclerosi multipla è fondamentale pianificare anche la realizzazione di questo desiderio. La gravidanza non sembra accelerare il decorso o peggiorare gli effetti della malattia. Tuttavia, se hai una sclerosi non ancora diagnosticata potresti avere maggiori probabilità di iniziare ad avere sintomi proprio in questa fase della vita.

Gli effetti invalidanti della malattia possono rendere fisicamente difficile portare avanti una gravidanza. La debolezza muscolare e i problemi di coordinazione possono aumentare la probabilità di cadute e la dipendenza dalla sedia a rotelle può esporti a un rischio maggiore di infezioni del tratto urinario.

Durante i nove mesi, avrai bisogno di un attento monitoraggio per tenere traccia della malattia e della salute del feto. Si consigliano visite prenatali più frequenti. “La sclerosi multipla si manifesta in genere tra i 20 e i 40 di età ed è proprio l’età in cui le giovani donne spesso intendono programmare una gravidanza. A tale proposito è importante che la paziente che ha intenzione di programmare una gravidanza o ha in corso una gravidanza si rivolta a un team specializzato dove il ginecologo possa essere affiancato da uno specialista, in questo caso il neurologo, un ostetrico, un anestesista in modo da dare dei consigli riproduttivi nella fase preconcezionale e da poter seguire in modo adeguato sia la mamma che il feto durante la gravidanza”, ha specificato Manuela Ossola, medico ginecologo esperto in Patologia della Gravidanza del Policlinico di Milano.

Rischi in gravidanza

La malattia influisce con lo sviluppo del feto? “La sclerosi multipla non interferisce con lo sviluppo del feto ed è stato dimostrato che non interferisce con il rischio di aborto, con il rischio di morte intrauterina né con danni feto-neonatali e nella vita neonatale”, ha rassicurato la dottoressa. “E' accertato ormai da anni che la sclerosi multipla ha un andamento favorevole nel corso della gravidanza, in particolare nel secondo e nel terzo trimestre. Diverso è il discorso del puerperio dove in 2/4 donne su 10 si possono osservare delle riattivazioni della malattia. Questa riattivazione è in parte ascrivibile al complesso quadro ormonale e all’affaticabilità della mamma che deve prendersi cura del neonato”.

Terapia farmacologica

Se la gravidanza migliora il quadro clinico della sclerosi, è anche vero che la terapia farmacologica, soprattutto di ultima generazione, è sconsigliata nel corso dei nove mesi e l’allattamento. “Un discorso a parte per l’interferone 1 beta, che può essere – in casi selezionati – somministrato durante la gravidanza e il puerperio e i farmaci cortisonici, che vengono più frequentemente utilizzati nelle fasi di riacutizzazione […]. Per quello che riguarda, i farmaci di ultima generazione, che sono i farmaci che modificano l’andamento della malattia, in particolare gli immunomodulanti e gli immunosopressori, a oggi vale il principio di non somministrarli durante la gravidanza e l’allattamento”.

Allattamento

La mamma può allattare? Sì, perché l'allattamento non determina un peggioramento della patologia, ma va analizzato caso per caso, soprattutto se la mamma deve riprendere un percorso farmacologico sospeso a inizio gestazione. Al Policlinico di Milano è attivo un percorso dedicato alle donne dove si programma la gravidanza affiancati da neurologi, ginecologi, immunologi, endocrinologi, urologi, anestesisti ed ostetriche. Gli specialisti lavorano in team per aiutare la mamma in questo viaggio molto speciale della vita.

Fonte | Policlinico di Milano

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.