Se la lotta al fumo passa anche attraverso la messa al bando delle sigarette più acquistate

L’Unione europea ha deciso di tentare una nuova strada per ridurre il consumo di tabacco: eliminare dall’offerta quello al mentolo, preferito da tanti tabagisti. Lo Stato dunque rinuncerà a una parte dei suoi introiti per stimolarti a preservare la tua salute. Il passo successivo tocca a te.
Giulia Dallagiovanna 25 maggio 2020
* ultima modifica il 25/05/2020

La lotta al fumo può passare per tante strade e alcune di queste anche un po' sorprendenti. Le campagne di sensibilizzazione, con cartelloni e spot pubblicitari che ti ricordano quanto quella sigaretta possa farti male contribuiscono a creare una società più attenta alla propria salute. L'aumento del costo dei pacchetti serve a farti venire meno voglia di comprarli, per pensare di più al tuo portafogli. L'ultima iniziativa in ordine di tempo è però decisamente più innovativa: in tutta l'Unione europea sono state messe al bando le sigarette al mentolo, perché erano il prodotto che esercitava più attrattiva sui consumatori.

Dunque non la sostanza più dannosa per il tuo organismo, ma l'offerta che al mercato piaceva di più. Il blocco riguarda una gamma che arrivava coprire anche più del 3% di tutte le vendite e comprende sia le sigarette che il tabacco trinciato. L'idea è che se non trovi più il tuo aroma preferito, perderai anche il piacere e dunque la voglia di fumare. E la novità è che lo stato rinuncia a una parte di introiti per preservare la tua salute.

In Italia ci sono ancora più di 11 milioni di fumatori

L'Unione europea aveva già preso questa decisione nel 2014 e l'Italia l'aveva recepita due anni dopo, a gennaio 2016, con un decreto legislativo. Nel mezzo c'è stata anche una disputa legale sull'argomento. Ma alla fine, il 20 maggio scorso, l'Ue ha avuto la meglio e in tabaccheria non ci sarà più traccia di mentolo.

Staremo a vedere se l'intuizione è stata quella giusta e se davvero il numero di tabagisti, che in Italia sono ancora più di 11 milioni, più della metà uomini, sarà finalmente in diminuzione.

Fonte| Ansa

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.