La luce del sole potrebbe inattivare il SARS-CoV-2 sulle superfici. I risultati di uno studio di Oxford

Una ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati di recente sul Journal of Infectious disease, mostra come la luce del sole ricreata secondo alcune caratteristiche di temperatura e latitudine, potrebbe essere in grado di inattivare il SARS-CoV-2 sulle superfici.
Sara Del Dot 29 maggio 2020
* ultima modifica il 09/06/2020

Aprire le finestre e lasciare entrare la luce. Ce l’hanno ripetuto spesso, che il sole ha un potere “disinfettante”. E il Covid-19 potrebbe manifestare una certa sensibilità. Lo ha affermato di recente anche il presidente dell'Istituto superiore di Sanità Silvio Brusaferro, sottolineando come il "Covid appartenga a una famiglia particolarmente sensibile alla luce del sole".

Questa volta, però, è uno studio scientifico a sollevare la possibilità che l’illuminazione solare potrebbe essere in grado di disattivare il virus sulle superfici negli ambienti interni. Ma solo in determinate condizioni.

La ricerca si intitola “Simulated Sunlight Rapidly Inactivates SARS-CoV-2 on Surfaces”, letteralmente “La luce del sole simulata disattiva il virus SARS-CoV-2 sulle superfici". Si tratta di uno studio pubblicato il 20 maggio da un team di ricerca dell’Università di Oxford sul Journal of Infectious disease.

L’idea di base è quella che la luce possa interferire con la persistenza del virus negli ambienti e quindi con il rischio di esposizione, a seconda che ci si trovi in un ambiente interno oppure all’esterno.

In pratica, i ricercatori hanno ricreato una luce solare artificiale sottoponendovi saliva simulata e alcuni mezzi di coltura contenenti il SARS-CoV-2 asciugati su dischetti di acciaio. I risultati lasciano ben sperare. Sembra infatti che il 90% del virus infettivo contenuto nella saliva sarebbe stato inattivato ogni 6.8 minuti, mentre quello nei mezzi di coltura ogni 14.3 minuti. Tutto questo in caso di esposizione a una luce solare artificiale che simula quella del solstizio estivo a 40°N di latitudine sul livello del mare in una giornata limpida.

A questo si aggiunge poi il fatto che l’inattivazione sembra avvenire anche a temperature più basse, seppur con effetti meno evidenti.

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.