Seggiolini anti-abbandono obbligatori da febbraio 2020: ecco quali sono i dispositivi di sicurezza già disponibili

Alcuni sono integrati nel seggiolino, altri sono indipendenti e possono essere spostati a tuo piacimento. Si collegano con lo smartphone, emettono segnali acustici e sonori e utilizzano ogni possibilità per evitare che ti dimentichi tuo figlio in auto e si verifichi un tragico incidente.
Giulia Dallagiovanna 10 ottobre 2019
* ultima modifica il 10/10/2019

Quando il primo bambino era morto dopo essere stato abbandonato sul seggiolino, l'Italia intera era rimasta sotto shock. Ma quel lontano giugno del 2013 a oggi, i casi sono stati molto di più quelli che si potevano immaginare. E se all'inizio avrai incolpato i genitori di negligenza senza concedere loro nessuna attenuante, ora ti sorprenderai a pensare: "E se succedesse anche a me?" Centinaia di impegni, migliaia di scadenze e la mente sempre piena di problemi da risolvere. Ti sarai già scordato tante cose nella tua auto, in ufficio o a casa tua: non è poi così remota la possibilità di lasciare tuo figlio in macchina, magari mentre dorme silenziosamente sul sedile posteriore. Ecco perché, come avrai probabilmente già saputo, è stato firmato il decreto attuativo dell'articolo 172 del nuovo Codice della Strada, che obbliga a installare seggiolini anti-abbandono sulla propria automobile.

Prima, un po' di chiarezza: questa disposizione entrerà ufficialmente in vigore 120 giorni dopo la sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che al momento ancora non c'è stata. Fatti i dovuti conti, la data definitiva sarà probabilmente a febbraio. Ci sono poi altri dubbi da chiarire riguardo alle caratteristiche che dovrà avere il dispositivo stesso, che per ora si limitano a attivazione automatica, segnali acustici e visivi e possibilità di ricevere anche una notifica sul proprio smartphone.

Ma il fatto che non vi siano ancora parametri precisi, non significa che tu non possa iniziare ad acquistarne uno per prevenire un incidente che può diventare davvero tragico. Al momento, i dispositivi anti-abbandono disponibili sul mercato si dividono tra universali e integrati nel seggiolino. Proviamo a vederne insieme quattro tipi diversi:

Sistemi integrati

I sistemi integrati sono già inseriti all'interno del seggiolino e non devi nemmeno ricordarti di installarli. Lo svantaggio però è che la batteria potrebbe esaurirsi nel giro di tre o quattro anni, anche se magari nel frattempo hai avuto un secondo figlio e vuoi riutilizzare lo stesso dispositivo. In ogni caso possono funzionare con segnali acustici e luminosi, oppure inviare notifiche al tuo smartphone via internet oppure tramite il bluetooth.

I pad intelligenti

Tra i sistemi universali, e che cioè sono indipendenti dal seggiolino e possono essere spostati a tuo piacimento, si trovano prima di tutto i pad. Dei veri e propri tappetini intelligenti, che riconoscono la mancanza del bambino su di essi. Sono collegati al tuo smartphone e valutano se questo si allontana, senza che il peso che avvertono sia variato. A questo punto, ti avvisano con una notifica e, se non rispondi, inviano un SMS anche ad altri numeri, che tu avrai provveduto a memorizzare al momento dell'istallazione.

Oltre ai pad ci sono anche dei cuscini leggermente imbottiti che funzionano allo stesso modo, anche se è sempre bene stare attenti ai nuovi volumi che si aggiungono a un seggiolino o si rischia di minare la sicurezza del piccolo passeggero. Inoltre, valuta la possibilità che la connessione possa avere problemi e che quindi il dispositivo finisca per non funzionare correttamente.

Il dispositivo che si aggancia alle cinture

Esistono anche alcuni dispositivi che possono essere agganciati alle cinture di sicurezza della tua automobile, in particolare a quelle che tengono fermo il bambino sul seggiolino. Si accorge se non viene sganciato e ti avvisa quindi che ti stai dimenticando un passeggero molto importante.

Gli allarmi visivi e sonori

Per essere il più tranquillo possibile di non aver abbandonato tuo figlio in auto, potresti dotarti di un dispositivo che ti avverte in tutti i modi possibili: con segnali acustici, visivi e digitali. Alcuni possono essere inseriti nell'accendisigari accanto al sedile del guidatore e oltre ad avere una spia che si illumina di colori diversi, segnalando la presenza o meno del bambino, emettono anche un allarme sonoro se tuo figlio, di massimo 30 chilogrammi di peso, non viene prelevato dall'auto. Altri inviano anche un messaggio allo smartphone e chiedono conferma che tutti siano scesi dall'auto, se nessuno risponde vengono contattati i numeri precedentemente inseriti nella memoria.

Altri consigli utili

Ci sono poi altre strategie utili per prevenire questi incidenti. Ad esempio, lasciare la tua borsa nel sedile posteriore in modo che quando la recuperi, vedi anche il bambino. Oppure, lasciare lo zainetto o la borsa con le sue cose sul posto accanto a quello del guidatore. Ma sicuramente un dispositivo automatico, che per altro costa attorno ai 60 euro, è un aiuto in più al quale non dovresti rinunciare: potrebbe salvare la vita di tuo figlio.

Fonte| Servizi ACI

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.