Si può fare il bagno con le mestruazioni?

Potresti essertelo chiesta qualche volta, magari in quell’occasione in cui le perdite hanno deciso di presentarsi proprio mentre eri in vacanza. Ma fare il bagno mentre si hanno le mestruazioni è sicuro? Ci sono degli accorgimenti particolari da prendere?
Valentina Rorato 19 Luglio 2021
* ultima modifica il 14/09/2021

Posso fare il bagno, al mare o in piscina, con le mestruazioni? È uno degli incubi femminili più frequenti e purtroppo ci sono ancora tante informazioni false sulle mestruazioni: una di queste è che nel periodo del ciclo non dovresti bagnarti e quindi anche lavarti.E come sempre l’ansia diventa più evidente alla vigilia delle vacanze estive ed è bene sfruttare il momento per fare un po' di chiarezza e cancellare alcuni dubbi.

Fare il bagno è sicuro

Puoi fare il bagno con le mestruazioni. È sicuro nuotare durante il ciclo e non aumenterà il rischio di infezione. Se hai già provato, ti sarai accorta che una volta entrata in acqua, il ciclo potrebbe interrompersi temporaneamente. Come mai?  Il sangue in genere defluisce dall'utero nella vagina attraverso la cervice a causa della gravità. La pressione dell'acqua può ridurre il flusso durante il nuoto. Quindi il tuo flusso dovrebbe rallentare, senza fermarsi completamente.

Quali assorbenti usare

Avrai bisogno di utilizzare degli assorbenti perché, come detto, il flusso rallenta ma non si interrompe e ciò significa che in caso di tosse, starnuti ma anche una forte risata potrebbero dare la spinta giusta al sangue per uscire normalmente. Quindi per essere sicura che non ci siano imbarazzi dovresti usare un assorbente. Quale? La preferenza è ovviamente personale.

È sicuro nuotare con un tampone. Quando viene inserito, si trova molto in alto nella vagina per raccogliere qualsiasi flusso mestruale. Il resto della vagina rimane abbastanza chiuso durante il nuoto, quindi non c'è molto scambio di liquido tra ciò che è dentro e ciò che è fuori. È comunque molto importante cambiarlo appena uscita dall’acqua.

E se non sei un fan degli assorbenti interni, le coppette mestruali funzionano altrettanto bene. La coppa dovrebbe rimanere ben posizionata durante il nuoto e fornire una barriera tra il flusso mestruale e l'acqua.

Bevi molta acqua

Oltre agli assorbenti, devi avere con te dell'acqua, poiché sei più incline alla disidratazione quando hai il ciclo. L'idratazione è influenzata da estrogeni e progesterone, ormoni che fluttuano prima e durante le mestruazioni. Ciò significa che è più importante che mai assicurarsi di bere a sufficienza.

Un ulteriore campanello d'allarme: la disidratazione può colpire duramente anche i nuotatori. Questo perché il nuoto tende a indurre il tuo cervello a pensare di essere idratato poiché sei circondato dall'acqua. Inoltre, poiché sarai coperto d'acqua, potrebbe essere più difficile per te notare che il tuo corpo sta sudando, il che può disidratarti ulteriormente.

Posso perdere sangue nell’acqua

Come abbiamo anticipato, ovviamente una minima quantità di sangue mestruale potrebbe comunque uscire e dunque disperdersi nell’acqua. Chi sarà vicino a te in mare o in piscina, non si accorgerà di nulla e il trattamento chimico (il cloro) o l’ampia diluizione del mare neutralizzeranno il problema. E, dimentica quella leggenda metropolitana, che potresti essere attaccata dagli squali. Non è vero, non ci sono prove scientifiche. L'unico vero imbarazzo è quando esci dall'acqua, perché il flusso ricomincerà a scorrere tra le tue gambe.

Quando non fare il bagno

Puoi decidere di non fare il bagno non per il flusso in sé, ma per eventuali disturbi che possono insorgere durante il ciclo. Come:

  • mal di testa
  • crampi
  • nausea
  • vomito
  • vertigini

Inoltre, è sconsigliato se sei appena stata operata, per esempio a seguito di un aborto, di un trattamento per la fertilità, se hai subito un’isterectomia ma anche se hai partorito da meno di due settimane.

Fonte | Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.