Torino, il volto di un ventitreenne era devastato da un trauma facciale: i chirurghi lo ricostruiscono grazie alla stampa 3D

Dopo un terribile incidente, un giovane era arrivato all’ospedale Città della Salute di Torino con un gravissimo trauma facciale. I chirurghi sono riusciti a ricostruirlo grazie alla tecnologia tridimensionale: simulando ogni passaggio dell’intervento su modelli 3D, hanno concluso l’operazione in tempi rapidi e senza imprevisti.
Kevin Ben Alì Zinati 25 Gennaio 2021
* ultima modifica il 17/02/2021

Un ventitreenne. Un incidente. Un trauma facciale gravissimo. Puoi immaginarli come i contorni di una storia che, seppur difficile, ha tuttavia avuto un finale sorprendente e positivo. Sì, perché i chirurghi dell’ospedale Città della Salute di Torino sono riusciti a ricostruire il volto di un giovane, devastato da un trauma facciale, grazie all'uso della tecnologia 3D. Realizzando con grande urgenza una copia tridimensionale del viso del ragazzo, i medici torinesi hanno simulato e studiato ogni minimo dettaglio dell’intervento di ricostruzione così da arrivare in sala operatoria con il “manuale d’istruzioni” per agire massimizzando tempo ed efficacia.

Una tecnologia innovativa

Forse non lo sapevi, ma all’interno del reparto di chirurgia maxillo-facciale dell’ospedale, da qualche anno è stato creato un laboratorio ad hoc che si occupa di sperimentare l’integrazione delle più innovative tecnologie 3D nelle pratiche chirurgiche.

In sostanza, attraverso una serie di software all’avanguardia, elaborano un modello tridimensionale del paziente e poi, con l’utilizzo di stampanti 3D, ricreano fisicamente i modelli anatomici su cui fare pratica.

Questa sinergia di tecnologia permette di sviluppare protocolli di diagnosi e cura nuovi sempre più personalizzati per ogni paziente. Di fatto, garantisce ai chirurghi di analizzare, studiare e progettare l'intervento chirurgico.

Come ti dicevo all’inizio, è come se l’intervento venisse preparato a tavolino in 3D. Provandolo e riprovandolo, i chirurghi lo imparano quasi a memoria. Puoi capire, quindi, che conoscendo il libretto di istruzioni su ciò che toccherà affrontare in sala operatoria, si limiteranno gli errori e gli imprevisti.

E così è stato. L’intervento in urgenza portato a termine dai chirurghi plastici, maxillo-facciali e dagli anestesisti torinesi ha consentito di ridurre i tempi operatori velocizzando i passaggi chirurgici per la ricostruzione del volto del giovane 23enne.

Fonte | Ospedale Città della Salute di Torino

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.