Vaccini e allergie: le possibili reazioni avverse a questi farmaci

Ne avrai sentito parlare tante volte di reazioni allergiche legate ai vaccini. Ma cosa c’è di vero nelle informazioni che circolano? E cosa bisogna fare per prevenire una reaizone allergica? Per prima cosa, fidarsi del medico vaccinatore.
Dott. Albert Kasongo Medico vaccinatore
10 luglio 2019 * ultima modifica il 10/07/2019

Un capitolo a parte va dedicato ai soggetti allergici che vogliano sottoporsi a vaccinazione, in quanto esistono differenti sostanze presenti nei vaccini che possono potenzialmente causare reazioni allergiche gravi quali ad esempio shock, edema glottideo e anafilassi.

Le reazioni d’ipersensibilità, locali o generalizzate, possono essere evitate in 2 modi:

  1. Conoscenza dell’esatta composizione del vaccino da parte del medico vaccinatore
  2. Anamnesi, cioè lo studio della storia clinica del paziente, attenta e accurata

Componenti allergizzanti nei vaccini

Esistono, dunque, diverse componenti allergizzanti nei vaccini, che uno studio della Commissione Farmaci Latice della SIAIP distingue in 3 grandi categorie :

  1. Eccipienti: tra cui gli stabilizzanti, gli zuccheri (lattosio, saccarosio), le proteine (gelatina), i conservanti (thimerosal, fenossietanolo, antibiotici), gli aminoacidi e gli adiuvanti
  2. Antigeni: derivano dal terreno di coltura e sono, ad esempio, uova, latte e lievito
  3. Contaminanti: lattice

Cosa si deve fare

Una volta noti i componenti dei vaccini che presentano potere allergizzante e a seguito di una doverosa anamnesi dalla quale possono emergere allergie a uno o più dei componenti, si potrà procedere o meno alla somministrazione dello stesso. A questo proposito è molto importante ricordare che esistono ormai numerosi studi che attestano che i vaccini non aumentano il rischio di sviluppare allergie e asma. Vi è però qualche accortezza che il medico vaccinatore può prendere quando si trova di fronte a un soggetto allergico che considera a rischio, come ad esempio l’esecuzione di un prick test o l’invio ad un allergologo che potrà determinare con maggiore precisione l’entità della situazione o ancora una terapia desensibilizzante contro l’allergia.

L’unica reale controindicazione assoluta che riguarda tutti i vaccini è rappresentata dall’insorgenza di una grave reazione allergica immediata a una dose precedente della vaccinazione. È perciò di fondamentale importanza eseguire un’accurata anamnesi.

Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari, ha maturato esperienza in numerosi ambiti collaborando con diverse altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.