Vaccino AstraZeneca: c’è da preoccuparsi? Facciamo chiarezza con il dottor Kasongo

Che tipo di vaccino è AstraZeneca? C’è un nesso con i casi di trombosi di cui parlano tutti? E quali sono i sintomi che dovrebbero farci preoccupare per la nostra salute? Com’è possibile fidarsi di un vaccino creato in così poco tempo? Le domande che possono tormentarti in questo periodo sul vaccino più discusso di tutti sono tante. Noi abbiamo provato a rispondere ad alcune.
Sara Del Dot 27 Marzo 2021
* ultima modifica il 27/03/2021
Intervista a Dott. Albert Kasongo Medico Vaccinatore presso il Centro Santagostino di Milano

Le notizie e le vicissitudini che nelle ultime settimane hanno interessato la somministrazione del vaccino AstraZeneca hanno avuto come conseguenza un aumento della preoccupazione legata proprio a questo specifico vaccino. L’EMA, l’Agenzia Europea per i Medicinali, ha tranquillizzato in merito alla sicurezza e all’efficacia del vaccino. C’è poi uno studio, condotto dai ricercatori dell’Ospedale universitario di Greifswald, che potrebbe aver individuato l’origine dei rari casi di trombosi che sono stati accostati ad AstraZeneca, e soprattutto un farmaco che potrebbe bloccarne gli effetti sul nascere, mettendo l’individuo a rischio in sicurezza. Per provare a fugare tutti i dubbi in merito a questo discusso vaccino, ne abbiamo parlato con il medico vaccinatore Albert Kasongo.

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.