A Bari il primo e unico laboratorio ortopedico in Italia che realizza protesi e tutori solo per animali

Carla e Carmine sono due tecnici ortopedici che hanno aperto il primo centro ortopedico italiano esclusivamente per la cura veterinaria. Grazie ai dispositivi realizzati dal centro, cani, cavalli, e non solo, possono tornare a muoversi in libertà. Un passo in più per garantire il benessere degli animali da celebrare oggi nella Giornata Mondiale a loro dedicata.
Gaia Cortese 4 Ottobre 2021

Un golden retriever di quattro anni con una zampa più lunga dell’altra, una volpina reduce da una frattura scomposta e un cavallo di vent’anni con un’artropatia degenerativa. Sono solo alcuni dei pazienti del primo, ma anche unico, centro ortopedico in Italia dedicato esclusivamente agli animali.

Ortopaw è il progetto di una giovane coppia: Carmine Simeone, trentasettenne di Martina Franca (ma vive a Bari ormai da 15 anni) e Carla Marongiu, trentaseienne di Agrigento, entrambi tecnici ortopedici, che nel maggio del 2017 hanno deciso di iniziare un percorso di studio e approfondimento della Tecnica Ortopedica Veterinaria confrontandosi con colleghi internazionali pionieri della materia.

L’esplorazione di questa nuova frontiera della professione veterinaria ha portato la giovane coppia ad aprire nel gennaio del 2019  Ortopaw, un centro ortopedico in grado di realizzare protesi e tutori costruiti su misura per gli animali. Un progetto che è stato reso possibile dopo aver ottenuto un finanziamento pubblico per imprese innovative, e che oggi, a tre anni di distanza, non può che riempire di soddisfazione la giovane coppia.

Oggi, nella Giornata mondiale degli animali, sapere che c’è sempre maggiore consapevolezza in termini di attenzione al benessere degli animali è un segnale molto importante. Se infatti fino a qualche anno fa molti proprietari di animali domestici con disabilità optavano per l’eutanasia perché impreparati nel prendersene cura o per paura della sofferenza del loro amico a quattro zampe, oggi sappiamo che esistono diverse possibilità per non scegliere l'eutanasia.

Un centro ortopedico dedicato esclusivamente agli animali era quello che mancava alla già esistente stretta collaborazione che nasce tra proprietari di animali, veterinari e volontari di associazioni che sempre più spesso offrono il loro aiuto in situazioni in cui prendersi cura di un animale disabile non è semplicissimo.