A Vicenza il distanziamento si fa con le siepi anti contagio: l’esperimento in chiave green che piace

L’idea del Comune di Vicenza sarà sperimentata in piazza Biade, ma ha già ottenuto consensi per il risvolto ambientale. I distanziatori sociali, infatti, sono dei vasi con piante che giocano un ruolo green, ma non solo.
Alessandro Artuso 6 Giugno 2020

La ripresa alle attività economiche e produttive è ancora in corso dopo la terribile emergenza sanitaria, non ancora del tutto risolta. A Vicenza hanno pensato bene di realizzare delle barriere green, composte da vasi di arbusti e piante, per separare le persone e mantenere il distanziamento sociale. La notizia arriva dal sito del Comune ed è stato annunciato da tre assessori.

La salute delle persone è fondamentale, ragion per cui si è deciso di fare qualcosa per evitare il più possibile situazioni critiche, avendo sempre cura del luogo e rispettando l'ambiente. Un progetto green che sicuramente ti piacerà osservare dal tuo smartphone e, perché no, anche di persona.

I distanziatori sociali green

I divisori sono stati già posizionati nella piazza vicentina e sono stati commentati da Simona Siotto, assessore all'Ambiente. Al momento l'esperimento partirà da un locale del centro, ma sono già tante le richieste pervenute al Comune di Vicenza: "Grazie alla sensibilità della ditta che sta lavorando al progetto sul Parco della pace, riusciremo a mettere a disposizione dei locali del centro e dei quartieri che ce lo chiederanno delle strutture con plexiglass al centro e piante sempreverdi ai lati per mantenere le distanze di sicurezza ma anche per abbellire la città. La sperimentazione prenderà il via da un locale del centro, il primo ad averci dato la disponibilità, ma stiamo ricevendo già moltissime richieste da altri commercianti".

L'idea

I vasi sono realizzati con piante basse che vanno dai 60 fino ai 120 centimetri e saranno trasferiti, durante i giorni del mercato, per permettere il regolare svolgimento delle attività in piazza. Una bella idea che unisce ambiente e distanziamento sociale, diventato ormai fondamentale per evitare contagi da Covid-19.