Addio Marium, uccisa dalla plastica la cucciola di dugongo che aveva commosso il mondo

Aveva perso la mamma e vagava spaventata nei pressi dell’Isola di Ko Poda. Recuperata dai biologi è stata accudita per un certo tempo fino a quando non c’è stato più nulla da fare: Marium, la cucciola di dugongo, è morta a causa della plastica ingerita.
Gaia Cortese 8 ottobre 2019

Rimasta orfana della madre ad appena 5 mesi, Marium, una cucciola di dugongo, è stata soccorsa dai biologi del Dipartimento delle Risorse Marine e Costiere, mentre vagava spaventata nei pressi dell’Isola di Ko Poda. Nonostante le amorevoli cure dei biologi Marium, che in thailandese significa "Signora delle acque", dopo poco tempo ha iniziato a comportarsi in modo strano, rifiutando l’erba marina di cui prima era molto golosa. Le sue condizioni di salute sono peggiorate giorno dopo giorno e a nulla è servito il tentativo dei medici di salvarle la vita.

Marium è morta lo scorso 17 agosto. L’autopsia ha rivelato che a ucciderla è stata della plastica ingerita, che le aveva chiuso la bocca dello stomaco. L'unica consolazione dei biologi è che la sua morte possa sensibilizzare l’uomo sull’impatto drammatico che ha la plastica in mare. I dugonghi sono stati dichiarati dal WWF in pericolo di estinzione. Tra i circa 250 esemplari presenti nelle acque della Thailandia, c’era Marium.