Adotta un panda Gigante, e perchè no, anche un Panda Rosso!

Deforestazione e bracconaggio rappresentano le principali minacce per il Panda Gigante e il Panda Rosso. Per fortuna sono diverse le strutture e le associazioni che si occupano della salvaguardia di queste specie.
Gaia Cortese 21 Ottobre 2018

Sono 1.864 gli esemplari di Panda Gigante rimasti sul nostro pianeta. E' un dato riferito dall'ultimo censimento del WWF. La buona notizia è che da specie a rischio estinzione, recentemente il Panda Gigante è passato a quella di categoria vulnerabile (lo ha stabilito l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura il 4 settembre 2016). Quello che è certo è che non si può abbassare la guardia visto che la costante perdita dell'habitat, dovuta alla distruzione delle foreste, è la principale minaccia per questa specie. A causa della scarsità di cibo (si nutre esclusivamente di germogli di bambù), il panda deve spostarsi da un luogo all'altro, in cerca di vegetazione, esponendosi così anche al pericolo del bracconaggio.

Il Panda Gigante è originario della Cina. Proprio qui è stata creata un'area protetta situata nella Contea di Wenchuan con lo scopo di salvaguardare questo esemplare studiandone la riproduzione e proteggendo gli animali: si tratta della Riserva Naturale di Wolong, fondata nel 1963 e dichiarata Riserva della Biosfera nel 1979; se vuoi vedere un Panda Gigante da vicino qui ne trovi ben 300, metà dei quali vive libera in natura.

Panda Giganti si trovano anche nello zoo di Atlanta. Sul sito ufficiale del parco si possono anche osservare in qualunque ora del giorno e della notte i movimenti di Yang Yang, Ya Lun e Xi Lun, i tre Panda Giganti che vivono in una speciale dayroom attrezzata con tanto di webcam, per poterli vedere anche dall'altro capo del mondo.

Un'altra buona notizia è che il panda gode di una popolarità invidiabile. Non solo compare sulle monete d'oro cinesi, essendone l'emblema nazionale, ma è diventato anche il simbolo del WWF. L'associazione italiana collabora da anni con il governo cinese per una sensibilizzazione al problema della deforestazione e del bracconaggio. Negli anni passati il WWF ha contribuito a creare numerose riserve per panda nella Cina sud occidentale e a collegare queste aree tra loro affinchè i panda possano spostarsi senza correre pericoli.

Se vuoi contribuire a difendere questa specie puoi farlo con una donazione dai 30 ai 125€, magari coinvolgendo i piccoli di casa, sensibilizzandoli al tema e sì, riponendo in loro, qualche speranza per un mondo futuro più sensibile nei confronti dell'ambiente e della salvaguardia degli animali.

Meno conosciuto del Panda Gigante, ma purtroppo a rischio estinzione, è il Panda Rosso. Vive principalmente in Nepal, negli ultimi 20 anni il numero di Panda Rossi si è ridotto del 50% a causa della deforestazione. A sostegno di questa specie, molto sta facendo il progetto Red Panda Network del Parco Natura Viva di Bussolengo (Verona). Qui sono ospitate due coppie riproduttive di Panda Rosso:quando i piccoli panda raggiungono la maturità sessuale sono ospitati in altre strutture dove a loro volta daranno vita a nuovi esemplari. Se anche tu vuoi contribuire alla causa, puoi adottare un Panda Rosso o un altro animale del Parco Natura Viva.