Caldo record in Antartide: raggiunti a mezzogiorno i 18,3 gradi

Temperatura record nella zona dell’Antartide argentina. Un dato preoccupante che ha battuto il precedente dato del 2015: ecco quali sono le possibili conseguenze a livello ambientale.
Alessandro Artuso 10 febbraio 2020

L’ondata di caldo stagionale ha fatto registrare un nuovo record che non lascia per nulla sereni. Raggiunti i 18,3 gradi a mezzogiorno nell'Antartide argentina. A dare la notizia è stata l’agenzia di stampa argentina Telam.

Cosa sta accadendo in Antartide

La stazione di Servizio meteorologico nazionale ha segnalato a Buenos Aires, in Argentina, una temperatura di 42 gradi. E qui nulla di strano vista la stagione afosa nell’America meridionale. Ciò che emerge, invece, è il dato raggiunto nell’Antartide argentina. Il valore ha di fatto battuto l’infelice record dei 17,5 gradi del 24 marzo 2015.

Perché è una anomalia termica

Quello dell’Antartide non è l’unico record registrato. La colonnina di mercurio ha segnato 14,1 gradi nella Base argentina Marambio. Il 24 febbraio 2013 raggiunse i 13,8 gradi centigradi. Il meteorologo Alessandro Gallo ha chiarito in un'intervista all'ANSA alcuni aspetti sull’innalzamento delle temperature: “Se l'atlante climatico riferito al trentennio 1990/2020 indicava l'inverno 1990 come mite ed insolito per il continente europeo – commenta – i dati raccolti e indicati dall'ECMWF ci offrono elementi assolutamente non trascurabili in riferimento al cambiamento climatico”.

Secondo il meteorologo l’anomalia termica riguarda un innalzamento di tre gradi centigradi rispetto alla media stagionale. La situazione è preoccupante perché i gradi registrati in Antartide corrispondono a un dato ancora più alto rispetto alle temperature estive.

Cos'è un'anomalia termica

Ti ho parlato di anomalia termica con tanto di esempi in Italia ma anche negli altri Paesi. Se non dovessi conoscerne il significato, te lo spiegherò brevemente. L’anomalia è la differenza tra il valore annuo della temperatura e la media calcolata. I valori della temperatura si riferiscono ai dati di 174 stazioni di rilevamento, raccolti negli ultimi 15 anni, in un periodo compreso tra il 1908 e il 2003.