Casa e decor: le stoffe naturali da scegliere per ricoprire i cuscini

Non sai quali tessuti naturali scegliere per i tuoi cuscini? Ecco le stoffe più sostenibili e più belle, per decorare in maniera green e consapevole la tua casa.
Sara Polotti 12 Settembre 2021

L'ecologia passa anche dalla scelta dei tessuti che compriamo, tanto per i nostri indumenti quanto per la casa. Sono moltissime le stoffe che utilizziamo per decorare gli ambienti: pensa solo alle tende o alla tappezzeria dei divani.

Altro elemento che decora in maniera elegantissima ogni stanza sono i cuscini, soprattutto quelli decorativi per divani e poltrone. Ecco quindi una selezione di stoffe naturali per i cuscini, che renderanno la tua casa sofisticata e allo stesso tempo ecosostenibile. I tessuti naturali, infatti, sono costituiti da filati che derivano solo da fibre presenti in natura e non presentano quindi tracce di plastica o microplastiche, oppure sono certificati per evitare coltivazioni o allevamenti intensivi.

Il cotone

Il cotone è il più classico dei tessuti e la sua grammatura media lo rende molto versatile. Sceglilo puro al 100%, ma soprattutto biologico (per evitare che provenga da coltivazioni intensive!). Lo trovi colorato e con diverse trame. Aderirà perfettamente ai tuoi cuscini e non si sgualcirà facilmente.

Il cotone riciclato

Se non trovi del cotone biologico certificato, cercalo riciclato: dalle fibre dei vecchi indumenti e dei vecchi tessili, infatti, è possibile ricavare un cotone riciclato evitando così la produzione da zero e soprattutto lo smaltimento delle vecchie stoffe. Darai loro nuova vita con atteggiamento molto green.

Il lino

Solitamente il lino viene utilizzato per copri-piumoni o tende, ma sta benissimo anche sui cuscini. Si tratta di una stoffa grezza e ruvida che deriva dalla cellulosa e il suo impatto ambientale (per quanto riguarda la produzione) è particolarmente basso, dal momento che richiede poca acqua.

La canapa

Simile al lino ma leggermente meno conosciuta, la canapa è una fibra tessile che deriva dall'omonima pianta e che è ritenuta la più ecosostenibile di tutte le stoffe. Perché? Perché la coltivazione della canapa è particolarmente semplice, avendo la pianta poche esigenze in termini di acqua e pesticidi. Inoltre la produzione del tessuto derivato dalla canapa non prevede l'utilizzo di sostanze nocive per l'ambiente.

La iuta

Molto molto ruvida, la iuta è una stoffa ideale se stai cercando un effetto rustico. Proviene dalle piante di malvacee (ce ne sono oltre 1500 specie!) e la sua filatura avviene in maniera meccanica, evitando le sostanze nocive e tossiche.

La lana biologica

Questo tessuto potrai usarlo soprattutto in gomitoli creando dei copricuscini all'uncinetto o sferruzzati. Fai però attenzione: devi scegliere lana biologica certificata che provenga da allevamenti rispettosi e non intensivi.