Come prenderti cura del tuo Ferocactus per farlo vivere rigoglioso

Il più classico dei cactus ha bisogno di cure speciali (anche se semplici e non impegnative): se vuoi farlo fiorire e vederlo crescere sano, ecco cosa devi fare.
Sara Polotti 6 Agosto 2022

Ferocactus, il Cactus Feroce: viene chiamato così a causa delle sue spine, piuttosto pericolose e robuste. Ma questo suo aspetto non fa paura e, non a caso, è tra le piante succulente e grasse più diffuse nelle case italiane.

Come tutte le piante grasse, però, non è da sottovalutare: la sua cura è più semplice rispetto a quella di altre piante d'appartamento che richiedono più attenzione, ma ciò non vuol dire che puoi lasciare il tuo Ferocactus a se stesso. Certo, beve poco. Ma quanto? E con che frequenza? E sai dov'è meglio sistemarlo, in che posizione e con che luce?

Cos'è il Ferocactus

Il Ferocactus è uno tra i cactus più classici: si tratta di quello un po' tozzo, tondeggiante e appiattito in cima, con vistose scanalature e, soprattutto, aculei molto rigidi e spinosi, a volte acuminati. La sua famiglia è quella delle Cactacee ed è conosciuto anche come Lingua del Diavolo o Cactus Caramellato.

La provenienza? Originariamente questa pianta è messicana e desertica, resistendo molto bene alla siccità e alle alte temperature. Ma la si trova soprattutto sulle altitudini rocciose.

Il Ferocactus, infine, fiorisce: i suoi fiori (alle nostre temperature) compaiono tendenzialmente verso il termine del mese di agosto, e possono essere gialli-biancastri oppure rosa-violacei a seconda della specie.

Come prendersene cura

Come tutte le succulente e le piante grasse, il Ferocactus richiede molta luce ed è meglio se lo sistemi in pieno sole o in una zona particolarmente luminosa, colpita direttamente dai raggi del sole.

Per quanto riguarda il rinvaso, meglio cambiare terriccio e vaso a questa pianta con frequenza, almeno una volta all'anno. In questo modo favorirai anche la crescita del fusto, che quando raggiunge i 10 cm può fiorire più facilmente.

Ogni quando va annaffiato?

In estate, quando fa caldo, il Ferocactus va annaffiato solo quando il terriccio è asciutto.

In autunno e inverno basterà farlo ogni tre settimane o più, anche in questo caso solo quando il terriccio è asciutto. Per evitare ristagni, butta sempre l'acqua in eccesso una volta che questa si raccoglie nel sottovaso.