Come riutilizzare i vecchi collant seguendo 5 semplici consigli

I collant che non usi da tempo sarebbero un ottimo esempio di riciclo creativo: dalla conservazione dei bulbi agli elastici per i capelli.
Alessandro Artuso 9 luglio 2020

Sapevi che tra  materiali a cui puoi dare una seconda vita ci sono anche i tuoi vecchi collant? Ce ne hai in casa e non li usi ormai da tempo, mettiti all'opera! Gli utilizzi sono molteplici, ma questo dipende soprattutto dalla tua creatività.

Imbottitura cuscini

Metti da parte i collant ormai quasi del tutto smagliati. Non appena raggiungi un buon numero potrai utilizzarli per imbottire i cuscini, ma anche per completare un'altra opera di imbottitura con la gommapiuma.

Lavaggi lavatrice

Puoi preservare i tuoi capi inserendoli nei vecchi collant. Con questo pratico sistema preserverai la biancheria delicata in lavatrice ed eviterai di rovinare il tessuto.

Conservare i bulbi dei tulipani

Durante i mesi più freddi potrai conservare e preservare i bulbi dei tulipani. Con questo sistema riuscirai a tenere a debita distanza fastidiosi animali e allo stesso tempo i bulbi riusciranno a respirare e non morire. Ti consiglio di conservarli in un luogo fresco e asciutto.

Sacchetti per profumare la biancheria

I sacchetti sono molto utili nei cassetti e anche negli armadi della tua casa. Con i vecchi collant creerai dei piccoli contenitori ottenendo un meraviglioso profumo grazie ai fiori essiccati di rosa, lavanda e di tante altre piante a tua scelta. Aggiungi se ti piace qualche goccia di olio essenziale che non guasta in un batuffolo di cotone (zona più interna del sacchetto).

Elastici per capelli

Le strisce dei vecchi collant sono utilissime per creare un elastico con cui legare i capelli o le ciocche. Essendo un materiale molto resistente è efficace anche per tenere fermo lo chignon che hai realizzato, non senza fatica, con i tuoi capelli.