Cosa accadrà quando il coronavirus diventerà endemico?

A un certo punto passeremo da uno stato di pandemia a uno di endemia, in cui dovremo convivere con il Covid proprio come facciamo già con altre malattie stagionali. E questo passaggio potrebbe non essere poi tanto lontano. Ma come cambierà la nostra vita?
Dott. Albert Kasongo Medico vaccinologo
5 Gennaio 2022 * ultima modifica il 05/01/2022

Ci siamo ormai abituati a sentir parlare di Sars-Cov2 e la domanda che ci si pone più frequentemente è: quando finirà tutto questo?

La risposta non è affatto scontata ma ci sono diversi fattori analizzabili che aprono la porta a scenari di positività. La diffusione di questo virus, risalente ormai a 2 anni fa, ha avuto inizialmente carattere di epidemia per poi trasformarsi in pandemia e con la prospettiva di diventare endemia. Ma quali sono le differenze? E, soprattutto, questa è una notizia positiva?

Pandemia ed endemia

Partendo dall’ultima domanda la risposta è “si”. Questa è una notizia positiva. Vediamo insieme le differenze:

  • Epidemia: avviene quando si ha un aumento della diffusione di una malattia contagiosa in una determinata area in uno specifico intervallo temporale
  • Pandemia: avviene quando l’epidemia si diffonde in vari Paesi del mondo
  • Endemia: avviene quando una malattia è stabilmente presente in una popolazione e la prevalenza e l’incidenza della stessa subiscono fluttuazioni molto leggere.

Quando una malattia diventa endemica

In pratica, una malattia diventa endemica quando entra a far parte della vita di una popolazione assumendo spesso carattere stagionale (come ad esempio il raffreddore) e subendo leggere fluttuazioni. L’andamento della malattia da Sars-Cov2 ci porta a credere che questo virus stia cominciando ad assumere carattere endemico, in considerazione anche della variante Omicron. La vita di ognuno di noi potrebbe cominciare a tornare a una situazione molto simile a come la ricordiamo prima del Covid.

Va da sè che probabilmente ci saranno abitudini che non abbandoneremo più, come l’utilizzo di mascherine, magari in luoghi affollati, o un’attenzione maggiore all’igiene o ancora il modo di porsi nelle relazioni interpersonali. Abbiamo cambiato tutti il modo di approcciarci alle altre persone, abbiamo modificato il modo di salutarci, facciamo maggiormente attenzione all’igiene personale e a quella degli altri e siamo diventati anche più attenti e rispettosi rispetto all’epoca pre-Covid per ciò che riguarda le misure di distanziamento e la gestione stessa del nostro stato di salute. Non torneremo alla libertà di prima, andremo verso un’epoca di attenzione maggiore che porterà maggior rispetto di noi stessi e degli altri. Insomma, ci dovremo preparare a un futuro leggermente diverso, ma sicuramente più attento e rispettoso. Sul quando accadrà non possiamo avere certezze ma, considerando l’andamento della malattia, non dovremmo essere lontani.

Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari, ha maturato esperienza in numerosi ambiti collaborando con diverse altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.