Cresce la popolazione dei rinoceronti neri: un’ottima notizia per una specie a rischio estinzione

Il numero degli esemplari di rinoceronte nero è in aumento. La lotta al bracconaggio inizia a dare i primi frutti, ma non bisogna abbassare la guardia se si vuole salvaguardare la specie.
Alessandro Artuso 24 marzo 2020

Molte specie in tutto il mondo sono a rischio estinzione a causa del bracconaggio e anche dei cambiamenti climatici che influiscono sulla vita di tantissimi animali. Una buona notizia arriva dall'International Union for Conservation of Nature (IUCN) che ha analizzato il rinoceronte nero, inserito nella lista rossa come specie a rischio: l'istituto si occupa di certificare lo status di ogni animale e le misure per salvaguardarlo.

I dati

Secondo i dati sulla popolazione del rinoceronte nero ci sono delle novità positive. Dal 2012 al 2018 il numero di esemplari che vivono in Africa è cresciuto da 4.845 a 5.630. La famosa red list (lista rossa) è stata quindi aggiornata con i nuovi dati sulla specie: una buona notizia, anche se bisogna specificare che non si tratta di un pericolo scampato, anzi.

In ogni caso è utile offrirti un dato lampante e cioè che nel 1973 i rinoceronti neri erano circa 38mila. Questi numeri, di conseguenza, offrono un quadro chiaro sulla mortalità dei rinoceronti. La lotta ai bracconieri continua ed è proprio per questo, almeno in parte, se la popolazione dei rinoceronti aumenta.

I numeri dei rinoceronti

L'Uicn ha fatto il punto sui dati degli esemplari presenti nelle varie zone del mondo attualmente censiti:

  • 2.390 esemplari di rinoceronte nero sud-occidentale (diceros bicornis bicornis)
  • 2.196 esemplari di rinoceronte nero centro-meridionale (diceros bicornis minor)
  • 1.044 esemplari di rinoceronte nero orientale (diceros bicornis michaeli)
  • rinoceronte nero occidentale estinto