Decreto legge sul clima, arriva (finalmente) il via libera del Consiglio dei ministri

Tra le novità principali il bonus mobilità per cercare di ridurre l’inquinamento atmosferico e lo stanziamento di fondi per progetti di riforestazione. “È il primo atto normativo del governo che inaugura il Green New Deal”, ha commentato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Adesso la palla passa al Parlamento.
Federico Turrisi 11 ottobre 2019

Dopo una serie di rinvii, il decreto legge sul clima è stato approvato all'unanimità dal Consiglio dei Ministri. Una misura molto attesa, ma soprattutto un segnale positivo: forse l'ambiente comincia a diventare davvero una delle priorità delle azioni di governo in Italia. "Mi piace poter dire che è il primo atto nella storia della Repubblica italiana di urgenza per l'ambiente", sono state le prime parole del ministro dell'Ambiente Sergio Costa uscito da Palazzo Chigi. La connotazione d'urgenza è data soprattutto dalle infrazioni a cui è sottoposta l'Italia in tema di qualità dell'aria.

Sono molte le novità contenute nel testo del decreto clima, fortemente voluto dal ministro Costa: dal buono mobilità da 255 milioni di euro per le città e le aree più inquinate (che include dei bonus per la rottamazione di automobili da euro 0 a euro 3) al fondo di 40 milioni di euro in favore dei Comuni per la realizzazione e l’ammodernamento delle corsie preferenziali, passando per lo stanziamento di 20 milioni di euro per realizzare o implementare il trasporto scolastico per gli alunni delle scuole elementari e medie con mezzi ibridi, elettrici o comunque non inferiori a euro 6.

Inoltre, 30 milioni di euro saranno destinati a progetti di riforestazione urbana e  periurbana nelle città metropolitane. E ancora, saranno aumentati i poteri e le risorse dei commissari che si occupano delle bonifiche delle discariche abusive e della depurazione delle acque. Infine 20 milioni di euro saranno destinati ai commercianti per la realizzazione di "green corner", spazi dove si venderanno solo prodotti sfusi.

Il decreto clima vale complessivamente 450 milioni di euro. Soldi provenienti dalle cosiddette aste verdi, ossia il sistema di scambio delle emissioni di gas serra all'interno dell'Unione Europea (European Trading Scheme)."È il primo atto normativo del nuovo governo che inaugura il Green New Deal: il primo pilastro di un edificio le cui fondamenta sono la legge di bilancio e il Collegato ambientale, insieme alla legge Salvamare, in discussione alla Camera, e a Cantiere ambiente, all’esame del Senato", si legge nel comunicato pubblicato dal Ministero dell'Ambiente. Adesso il decreto legge approderà in Parlamento per la sua approvazione.