Diminuisce l’inquinamento in tutta Europa: in calo il biossido di azoto a Parigi, Madrid, Roma e Milano

Il blocco in Italia ha ripulito l’ambiente dagli alti livelli di biossido di azoto. A Roma e Milano si registra un calo importante, ma i numeri salgono ancora di più a Madrid e Parigi.
Alessandro Artuso 17 aprile 2020

L'inquinamento diminuisce durante il periodo in cui molti di noi restano a casa vista l'emergenza sanitaria. I nuovi dati registrati dal satellite Copernicus Sentinel-5P rilevano una forte diminuzione di biossido di azoto nei cieli di tutta Europa. Questo calo coincide con il blocco ormai in vigore da marzo che ha fermato diverse attività allo scopo di fermare i contagi da Coronavirus. Entrando nel dettaglio i dati dell'Ente Spaziale Europeo (ESA) offrono un quadro chiaro sui primi risultati sull'ambiente in cui vivi e sull'aria che si respira.

I dati

La città che fa segnare un calo vistoso di biossido di azoto è Parigi (-54%), ma anche Madrid che registra il 48% in meno di livelli di azoto. Per quanto riguarda l'Italia, invece, a Roma vi è un -49%, a Milano flessione del 47%. Molti di voi si chiederanno: cos'è il biossido di azoto? Si tratta di un gas di colore rosso bruno, dall’odore forte e pungente, altamente tossico e irritante che con la sua densità nell'aria tende a rimanere al livello del suolo. Viene prodotto dai veicoli, dalle industrie e dalle centrali elettriche e nuoce gravemente alla salute delle persone, aumentando i rischi di possibili problemi respiratori.

I dati offerti variano ogni giorno in base alle emissioni che le industrie e i veicoli producono, senza però dimenticare le condizioni meteorologiche che influenzano la loro diffusione. Per avere in ogni caso un quadro più completo della situazione è fondamentale analizzare i numeri relativi ad un periodo di tempo più ampio e non soffermarti sui singoli giorni o su poche settimane.