Dove si trova la Cascata delle Marmore, il salto artificiale più alto al mondo

La Cascata delle Marmore fonda le sue radici nell’antica Roma. Cicerone, Plinio il Vecchio, Galileo Galilei, Vittorio Alfieri, Lord Byron sono solo alcuni dei visitatori più curiosi che hanno voluto passeggiare in questa oasi di pace. Ad oggi è la cascata artificiale più alta del mondo, ma la sua vera particolarità è che, grazie alla potenza delle sue acque, fornisce l’energia elettrica per la regione Umbria.
Alessandro Bai 31 Agosto 2021

La Cascata delle Marmore è di natura artificiale, creata dagli antichi romani. La sua altezza totale è di 165 metri, rendendola una delle più alte in Italia e la cascata artificiale più alta del mondo. Si trova a 7,7 km da Terni: la sua sorgente è un tratto delle acque del fiume Velino, dopo aver attraversato il lago di Piediluco. Il nome deriva dai sali di calcio presenti sulle rocce che sono simili al marmo bianco.

Questa Cascata si riversa nella vallata sottostante, in cui scorre il fiume Nera. Il suo flusso viene attivato e disattivato, per soddisfare le esigenze dei turisti e dell'azienda elettrica. Infatti da circa 20 anni la Cascata delle Marmore è stata utilizzata per generare elettricità per la regione Umbria.

Le acque della cascata sono sfruttate intensamente per la produzione di energia elettrica, nella centrale di Galleto. Ciò significa che la cascata effettiva non funziona continuamente, ma per la maggior parte del tempo è ridotta alle dimensioni di un ruscello.

Ti consigliamo di essere lì nel momento in cui i cancelli vengono aperti per assistere al potente scorrere dell'acqua. Normalmente, in autunno si accende tutti i giorni tra mezzogiorno e le 13:00 e di nuovo tra le 16:00 e le 17:00.

Per visitare le Cascate delle Marmore e l'area circostante è richiesto un biglietto d'ingresso. Un sentiero lungo le cascate ti consente di salire fino alla cima. Lungo la strada, un tunnel ti conduce a un osservatorio proprio accanto alle cascate, dove è garantito che riceverai qualche schizzo d'acqua: lo sappiamo che non aspettavi altro.

Dove si trova

Arcobaleni, leggende, distese di prati, ruscelli mozzafiato, fitti boschi e, ovviamente, il fragore dell'acqua delle Marmore che cade… dove siamo? Ovviamente in Valnerina, una delle zone più pittoresche d'Italia, tra il Lazio, le Marche e l'Umbria, a circa un'ora di macchina da Perugia.

Come arrivare

Per arrivare in auto alle Cascate delle Marmore ti consigliamo di prendere l'autostrada A1 (Milano – Napoli), uscita Orte, poi E45 (Orte-Terni) e uscita Terni ovest. Oppure potresti arrivarci tramite l'autostrada A14 (Bologna-Taranto), seguendo la superstrada E45 Cesena-Orte, direzione Terni, e uscendo a Terni ovest.

Per accedere al Belvedere Inferiore segui le indicazioni per la S.S.209 Valnerina, in direzione Visso-Norcia-Cascia; dopo 7 chilometri arriverai al parcheggio e alla biglietteria. Per il Belvedere Superiore segui le indicazioni per la S.S.209 in direzione Rieti; dopo 10 chilometri, nei pressi del paese delle Marmore, troverai un parcheggio e la biglietteria.

Sentieri

La cascata è raggiungibile da due punti diversi: uno è il Belvedere Superiore e l'altro è il Belvedere Inferiore. Nel parco della Cascata delle Marmore si trova un sentiero escursionistico composto da 5 diversi sentieri, adatti a tutte le età. Ti portano tutti nei punti più belli del parco, come il Balcone degli Innamorati e la Specola.

Primo sentiero

Questo è sicuramente uno dei percorsi più impegnativi del parco. Anticamente era utilizzato dai viandanti per arrivare al paese di Marmore. Risale alla seconda metà del ‘700 ed è l'unico tra i 5 che collega il Belvedere Inferiore al Belvedere Superiore.

Molto interessante soprattutto per gli aspetti naturalistici (rigogliosa vegetazione e grotte nascoste), mentre scarsa la visuale della cascata in quanto rimane abbastanza lontano dal getto. Tranne un punto davvero spettacolare: il Balcone degli innamorati. Questo percorso non è adatto a bambini piccoli, in quanto è piuttosto lungo e ripido. Ma se proprio non resisti, arriva a metà percorso e torna indietro, ne varrà sempre la pena se vuoi goderti la natura.

Secondo e terzo sentiero

Molto simili e più adatti a bambini (piccoli), in 20 minuti ti porteranno, attraverso piccoli gradini e ponti di legno, direttamente nel cuore delle cascate. Il terzo sentiero è il luogo ideale per ammirare i canyon scavati nella roccia dalle acque del fiume Nera.

Sul terrazzo panoramico finale è possibile vedere come i due fiumi, Velino e Nera, confluiscono: da lì ci si rende conto della straordinaria forza delle acque. Questi sono due percorsi meno stancanti, e siamo sicuri che i tuoi occhi ti ringrazieranno. I punti di partenza di entrambi i percorsi sono dall'Orto Botanico, nella zona del Belvedere Inferiore.

Quarto sentiero

Denominato di "Pennarossa", è il percorso turistico per eccellenza. Se sei un tipo da foto facile, questo è il sentiero che fa per te. Infatti è il solo a consentire una visione completa dei tre salti della Cascata. Un'emozione incredibile per un panorama davvero unico. In mezz'ora riuscirai a fare avanti e indietro, senza perderti nessun particolare.

Quinto sentiero

Durante il cammino si incontrano 11 pozzi artificiali realizzati per i lavori di consolidamento, di cui il primo, grazie alla copertura in vetro trasparente, svela la sua impressionante profondità. Questo sentiero ti darà la possibilità anche di entrare in qualche grotta e così potrai ispezionarle. Nel tratto finale la vista spazia sul Belvedere inferiore e sul secondo e terzo salto della cascata.

Il Balcone degli innamorati

Di fronte al primo percorso della cascata si trova il balcone degli innamorati, proprio alla fine del tunnel. Assolutamente da vedere con tutta la famiglia o con il proprio partner, se sei un romanticone. Per attraversarlo potresti aver bisogno di un impermeabile perché c'è così tanto vapore che bagnarti sarà un gioco da ragazzi.

La vista è incredibile e soprattutto i bambini ne rimarranno entusiasti!

La Specola

La Specola è una torretta all'estremità del Belvedere Superiore della cascata. Una tappa straordinaria, in cui potrai entrare in questa torre per goderti la vista che offre sulla cascata, sulla vegetazione e sui paesini circostanti.

Dove dormire

L'Umbria è un territorio davvero meraviglioso, dove la natura incontaminata si intreccia con borghi medievali dal fascino unico. Se decidi di trascorrerci qualche giorno per visitare la Cascata delle Marmore, puoi scegliere tantissimi luoghi molto particolari e tipici.

A pochi chilometri troverete il Lago di Piediluco con i vari paesini limitrofi, un'oasi di pace. Terni è la città di San Valentino e, tra i suoi edifici più moderni, nasconde ancora monumenti antichi come i resti dell'Anfiteatro Romano e il Monumento a San Salvatore.

Rimanendo in provincia di Terni, vale la pena visitare anche Narni, un piccolo paese di origini antichissime che conserva l'atmosfera affascinante di un tempo. Non perderti la Narni Sotterranea, un emozionante viaggio tra ipogei, stanze e antichi affreschi.

Se volessi invece alloggiare in mezzo alla natura, ti consigliamo Nera Greenway, un percorso dedicato ai mezzi sostenibili.

(Pubblicato da Francesco Li Volti il 27-11-2020
Modificato da Alessandro Bai il 30-8-2021)