Dune ricreate, materiali ecocompatibili ed educazione ambientale: a Pescara nasce la prima ecospiaggia

Una spiaggia ecosostenibile dove l’ambiente naturale sia tutelato e dove ogni spazio sia accessibile e aperto all’inclusività. A Pescara è in fase di realizzazione la prima ecospiaggia, ideata e progettata per una maggiore sensibilizzazione sulle tematiche ambientali.
Gaia Cortese 21 Maggio 2021

A volte ci si mette l’uomo, altre volte la natura. Mentre a Pescara  è in fase di realizzazione la prima ecospiaggia che prevede il rispristino e la tutela delle dune, nella Spiaggia della Madonnina, lungo il litorale pescarese, fioriscono a sorpresa due rare piante dunali: la Camomilla delle spiagge e la Soldanella di mare, altrimenti conosciuta come Vilucchio marittimo. Sono due tra le piante più protette in Abruzzo che, ricolonizzando la spiaggia nei giorni scorsi hanno portato una vera e propria esplosione di colori.

"I siti in cui sono presenti queste specie nella regione si contano sulle dita di una sola mano – così ha commentato l’evento Augusto De Sanctis, consigliere della Stazione Ornitologica Abruzzese -. Lo straordinario segnale che la natura delle spiagge se lasciata in pace, senza l'uso di mezzi meccanici come ruspe e trattori, riesce a riprendersi i suoi spazi. Con la dune della Madonnina in questo caso sono bastati quindici anni. Nel 2006 c'era solo una spianata disabitata mentre ora è un'esplosione di colori".

Nello spostarsi invece in un’altra area, quella compresa tra lo stabilimento balneare Nettuno n.70 e lo stabilimento balneare Jambo n.71, ben venga l’intervento umano, nel momento in cui lo scopo è realizzare un’ecospiaggia con tanto di giardino dunale che persegua alcuni principi fondamentali, come la realizzazione e la promozione di un modello di spiaggia ecosostenibile, l'educazione ambientale e la tutela delle componenti naturali, l'inclusività e la durabilità.

Il progetto è stato presentato da pochi giorni e sarà realizzato entro il mese di luglio grazie alla donazione di 90mila euro della società Fater spa con il cofinanziamento dell’amministrazione comunale. La struttura, formata da un’area interna ed esterna, sarà realizzata con elementi in materiale ecocompatibile e facilmente amovibili, con una particolare attenzione anche all’inclusività (accesso all'area bar e ai servizi igienici) e all’impatto con l’ambiente.

Lo sviluppo dell’area esterna prevede l’inserimento delle dune in modo da favorire una maggiore consapevolezza ambientale e il rispetto della natura, oltre che contrastare gli illeciti ambientali. In questa spiaggia, infatti, le dune rappresentano una risorsa di valore nazionale, che vuole diffondere le regole per tutelare un’area protetta e per salvaguardare il patrimonio naturale. Come? Uno strumento è senza dubbio la cultura. Conoscere l’importanza di un tale patrimonio, proteggerlo e svilupparlo deve essere un interesse della comunità.

Per tale motivo non solo l’ambiente dunale sarà ripristinato attraverso la messa a dimora di piante autoctone e protetto da strutture frangivento posizionate lungo il pendio dunale, ma diverse scuole e gruppi di giovani saranno coinvolti in idee e progetti green per promuovere una maggiore sensibilizzazione sulle tematiche ambientali.

Come ha dichiarato Antonio Fazzari, general manager dello sponsor Fater spa: “Abbiamo sposato il progetto del Comune di Pescara per il recupero della spiaggia e supportiamo le campagne di Legambiente, perché rendono vivi e concreti temi che hanno molto a che fare con l’attenzione alle persone: l’inclusione e il rispetto per l’ambiente. Vogliamo, inoltre, che il nostro intervento sia un impegno diretto e di lungo periodo, non solo un sostegno economico. Per questo saremo al fianco di Legambiente nelle attività verso le scuole: condivideremo con i più giovani ciò che facciamo per la sostenibilità ambientale, li coinvolgeremo in un concorso su idee e pratiche green. Alla base di tutto ciò vi è la sensibilità per l’ambiente e l’amore per questa città: è il nostro modo di essere impresa, ciò che ci motiva a fare il nostro meglio ogni giorno: generare un cambiamento positivo per la società".