È arrivato l’autunno: tempo di piantare i bulbi che fioriranno in primavera

Giacinti, tulipani, iris, narcisi e crocus. A partire da settembre per tutta la stagione autunnale si possono piantare i bulbi dei fiori che sbocceranno a primavera. L’operazione di messa a dimora è molto semplice, purché si rispettino distanze e profondità indicate per ogni tipo di bulbo.
Gaia Cortese 26 Ottobre 2020

Se l’arrivo dell’autunno sembra mettere un po’ a freno la tua passione per il giardinaggio, niente paura, ci sono i bulbi a cui pensare. Insomma, non c’è tempo da perdere, e chi ha il pollice verde lo sa, ogni stagione ha i suoi impegni da rispettare.

L’autunno quindi, è la stagione in cui si piantano i bulbi dei fiori che sbocceranno in primavera, riempiendo di colore il tuo giardino o il tuo balcone. Ma quali sono le varietà di fiori da piantare in questo periodo dell’anno? Ce ne sono diverse, e tutte molto belle. In primavera, per esempio, sbocciano il tulipano, il narciso, il crocus, l'iris e il giacinto.

Quali bulbi piantare in autunno

Crocus

Da settembre a inizio dicembre puoi piantare i bulbi di crocus. Devono essere piantati nel terreno a una profondità di circa almeno 5 centimetri, in vaso o in terra piena se hai un giardino da far fiorire in primavera. Privilegia una zona esposta al sole, perché il crocus fiorisce di più se riceve i raggi del sole in modo diretto.

Giacinto

I bulbi di giacinto interrati in questo periodo dell’anno produrranno una spiga di fiori profumatissimi a forma di tubo. Il giacinto inizia a fiorire a marzo, raggiunge un’altezza che può variare dai 10 ai 20 centimetri e può assumere tonalità di colore diverse. In genere necessita di poche ore di sole al giorno e di innaffiature ogni due, tre giorni, facendo sempre molta attenzione ad evitare i ristagni di acqua.

Narciso

Il narciso fiorisce tra marzo e aprile, arricchendo il tuo giardino con tonalità che vanno dal bianco al giallo tenue. Il terreno deve essere morbido, ben drenato e non eccessivamente concimato, mentre l’esposizione soleggiata o in mezz'ombra è quella privilegiata dal fiore.

Il momento ideale per la messa a dimora è l’autunno, da settembre fino a dicembre. I bulbi vanno interrati ad una profondità di circa 3 centimetri e distanziati di circa 25 centimetri. Ovviamente in vaso, questa distanza può essere ridotta, in modo da ottenere un maggiore raggruppamento e quindi un effetto ancora più scenografico.

Tulipano

Dal portamento elegante ed eretto, il tulipano è un fiore bellissimo dai colori sgargianti e molto intensi. La stagione per piantare i bulbi, sia in giardino che in vaso, va da ottobre e dicembre, prima che arrivino le prime gelate invernali.

Scegli un terreno sabbioso, ben drenato e con una certa profondità. Il tulipano ama il sole, ma mal sopporta il vento, soprattutto durante la fioritura, quindi fai attenzione a dove pianti i tuoi bulbi. Ricordati poi che i bulbi dei tulipani devono essere interrati con la punta rivolta verso l’alto, a una profondità di circa 15 centimetri, mentre tra un bulbo e l’altro, deve essere mantenuta una distanza di almeno 10 centimetri, in modo che i fiori possano svilupparsi in modo adeguato. Innaffia solo a partire dalla primavera, quando il tulipano fiorisce. Una curiosità di questo fiore? In Olanda è diventato così popolare da essere addirittura quotato in Borsa.

Iris

Il fiore dell’iris, o giaggiolo, è composto da tre grandi petali penduli o semipenduli dalle tonalità che variano dal blu al viola, nonostante non manchino iris di colore giallo, rosa, arancione e rosso, d’altronde ne esistono almeno 300 specie. L’iris è molto facile da coltivare: il bulbo secco va messo a dimora in autunno, a partire da settembre, si adatta bene a qualsiasi tipo di terreno, anche asciutto o calcareo e predilige una posizione in piena luce. Dopo averlo piantato, innaffia i bulbi leggermente per favorire l’attecchimento.