È dietro le lacrime di Afrodite che si cela il significato del fiore della calendula

Dolore, rammarico, gelosia e dispiacere. Nonostante il vivace colore giallo-arancione del fiore, la calendula non porta con sé simboli e significati positivi. Al contrario, una leggenda narrata nella mitologia greca, ne ha stabilito definitivamente il significato.
Gaia Cortese 19 Settembre 2020

Appartenente al genere delle Asteraceae e alla famiglia delle composite, la calendula (Calendula officinalis) è un pianta annuale riconoscibile per i suoi fiori colore giallo-arancio che ricordano molto le margherite, sebbene siano di dimensioni maggiori. La calendula è un pianta che cresce spontaneamente nell’area mediterranea, dove fu importata dall’Asia mediorientale e dal Nord Africa. I suoi fiori possono

Significato della calendula

Il termine latino da cui deriva il nome calendula è calendae. All'epoca degli Antichi Romani il calende era il primo giorno del mese nel calendario romano, e quello corrispondente alla luna nuova quando il calendario, sotto Romolo e Numa Pompilio. seguiva il ciclo lunare. La calendula aveva (e ha) infatti la caratteristica di fiorire ogni mese durante la bella stagione, da giugno fino a novembre. Va anche detto che i semi del fiore assomigliano ai piccoli quarti di luna, e anch'essi compaiono una volta al mese.

C’è poi chi sostiene che il termine calendula derivi dalla parola greca kàlanthos che significa coppa o cesta: in questo caso il nome si riferisce alla forma del fiore.

Non di rado la calendula viene anche chiamata fiorrancio o calta.

Simbologia della calendula

Secondo i greci e i latini, il fatto che i fiori si aprissero al mattino per richiudersi al tramonto, era considerato un simbolo di sottomissione e di dolore per la scomparsa del sole. Questo è il motivo per cui da sempre la calendula è associata ai sentimenti di dispiacere, di gelosia o al dolore delle pene d'amore.

Secondo la mitologia greca, le calendule hanno avuto origine dalle lacrime di Afrodite, la dea della bellezza. Si narra infatti che Afrodite fosse addolorata per la morte del suo amato Adone, trafitto da un cinghiale mandatogli contro da Ares, il geloso marito di Afrodite. La dea iniziò a piangere e le sue lacrime, come toccavano il suolo, si trasformavano in bellissime calendule.

Tempo e luogo non hanno cambiato tanto la simbologia attribuita a questo fiore. Anche nell'America del Sud da sempre la calendula è considerata un simbolo di dolore, in particolare per i messicani è il fiore simbolo della morte. Una leggenda narra che le calendule, portate dai conquistatori dell'oro, si siano propagate sul territorio messicano a causa del sangue degli indigeni, vittime dei bianchi.

In Inghilterra invece, il significato attribuito alle calendule è più legato alla gelosia. Alcune credenze popolari affermano che nel momneto in cui muoiono, tutte le zitelle si trasformano per la rabbia in calendule gialle.