Elwood, il gatto addetto alla sicurezza del Richmond Hospital che tutti vorrebbero incontrare

Siamo ormai tutti d’accordo sugli effetti positivi della pet therapy. È così che anche due coccole fatte a un gatto che ha trovato dimora nei pressi di un ospedale può aiutare a rendere migliore la giornata. In questo modo Elwood si è guadagnato il titolo di addetto alla sicurezza, anche se forse, sarebbe più utile considerarlo un distributore di sorrisi e felicità.
Gaia Cortese 6 Agosto 2020

Accoglie i pazienti all’ingresso dell’ospedale e li vede andare via, fa i suoi giri di perlustrazione e supervisiona l’area esterna della struttura. Potrebbe sembrare un addetto alla sicurezza modello quello recentemente “assunto” al Richmond Hospital, in Canada, ma non è sempre così che vanno le cose. A volte  preferisce prendere il sole, stiracchiarsi sul prato e girare tra i cespugli, e non è raro verderlo cercare coccole e attenzioni all’ingresso dell’ospedale.

Semplicemente fa il suo mestiere, non quello dell'addetto alla security, ma quello del gatto. Il nuovo membro dello staff di sicurezza del Richmond Hospital infatti è un randagio che tutti hanno ormai chiamato Elwood.

Il suo gironzolare intorno alla struttura ospedaliera è stato notato dai dipendenti, e considerata la sua presenza fissa, Elwood è stato adottato e dotato di cartellino con logo dell’ospedale e scritta “Security”. D’altronde, in qualche modo il gatto controlla ogni giorno gli ingressi e le uscite dall’ospedale e anche i pazienti si stanno abituando alla sua presenza, lo cercano e se lo intravedono, hanno un motivo in più per sorridere e sentirsi più leggeri, anche se si trovano in un ospedale.

Lo ha fotografato e pubblicato sul suo profilo Instagram Heather White, dopo averlo conosciuto durante la sua degenza in ospedale per un intervento al ginocchio. Heather ha avuto modo di notare Elwood mentre faceva qualche passeggiata nei dintorni dell'ospedale durante la convalescenza. Quando è poi tornata in ospedale per le sedute di fisioterapia ha ritrovato il "felino" addetto alla sicurezza proprio dove lo aveva salutato la prima volta.

I benefici della pet therapy sono ormai dimostrati. Chissà che anche la possibilità di incontrare all'ingresso dell'ospedale un addetto alla sicurezza un po' atipico, non sia utile per strappare un sorriso e un momento di tenerezza.