Gli impulsi elettrici delle piante diventano musica grazie a Plants Play

Edoardo Taori e Federica Zizzari, insieme a un team di amici ed esperti di ingegneria del suono, hanno sviluppato un dispositivo in grado di far “suonare” le piante e di riprodurre la loro musica sullo smartphone grazie a una app. Un innovativo e originale modo per riconnettersi con l’ambiente.
Federico Turrisi 20 settembre 2019

La mia pianta suona il rock. È proprio il caso di dirlo, non ce ne voglia Ivano Fossati. Esiste infatti un piccolo dispositivo in grado di captare gli impulsi elettrici delle piante e di trasformarli in musica attraverso una app per il cellulare. Si chiama Plants Play ed è l'idea innovativa di una giovane coppia, Edoardo Taori e Federica “Kika” Zizzari. Obiettivo della loro invenzione? Cercare di ritrovare un contatto con la natura nella frenetica vita di tutti i giorni.

Il funzionamento è sostanzialmente questo: due sensori ricevono gli impulsi elettrici delle piante e ad ogni variazione di frequenza o intensità elettrica del vegetale viene assegnata una nota musicale. Le piante hanno sensi molto complessi e arrivano a stabilire quasi un’empatia con chi si prende cura di loro. Questo rende l’esperienza di Plants Play ancora più emotiva e coinvolgente, donando a chi l’ascolta una reale percezione di questo legame.