I possibili effetti sulla salute della cannabis a scopo ricreativo (e i limiti delle ricerche)

Aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna sono tra i primi effetti sulla salute di un’assunzione prolungata di cannabis a scopo ricreativo. Ma si possono avvertire anche un senso di euforia, di distacco dalla realtà e di rilassamento. Questo, per lo meno, è quello che conosciamo, perché gli studi pubblicati finora hanno alcuni limiti che dobbiamo tenere in conto.
Dott. Albert Kasongo Medico vaccinologo
23 Novembre 2021 * ultima modifica il 23/11/2021

La Cannabis, o Canapa, è una pianta erbacea il cui utilizzo, in ambito tessile, è testimoniato da ritrovamenti che risalgono al Neolitico (età della pietra). Questa pianta, però, può anche essere utilizzata a scopo terapeutico o ricreativo. Vediamo insieme quali possono essere gli effetti sulla salute secondari a un uso ricreativo della cannabis.

Gli effetti della cannabis sulla salute

I limiti delle ricerche

Partiamo dal presupposto che studiare gli effetti tossici della Cannabis non è semplice perché vi sono numerose variabili che vanno a incidere. Un esempio è dato dalla variazione di concentrazione di principi attivi. Un altro limite è rappresentato dalla modalità di assunzione, poiché spesso viene assunta per via inalatoria (fumata) associata al tabacco, il che rende difficile capire quale delle due sostanze apporti un ruolo principale nell’insorgenza di patologie respiratorie oppure oncologiche. In più c’è da aggiungere che la via di distribuzione è illegale, motivo per cui è difficile reclutare volontari che vogliano far parte degli studi, così come non è semplice avere sempre una sostanza che conservi caratteristiche di purezza e concentrazione di principi attivi.

I principi attivi

La Cannabis contiene numerosissimi princìpi attivi fra cui, i più importanti sono :

  • THC: tetraidrocannabinolo, presenta effetti psicotropi. Solitamente la Cannabis venduta illegalmente a scopo ricreativo contiene concentrazioni più elevate di questo principio attivo
  • CBD: cannabidiolo, non presenta effetti psicotropi. La Cannabis legale contiene questo principio attivo.

Gli effetti sulla salute

La Cannabis produce effetti intensi e rapidi potendo causare rischi a lungo termine per la salute. Uno dei primi effetti, a seguito dell’assunzione, è rappresentato da un aumento della frequenza cardiaca (tachicardia) e della pressione sanguigna. A questo si aggiungono:

  • Senso di euforia
  • Alterazione di tempo, suoni, colori
  • Distacco dalla realtà
  • Risate incontrollabili

In seguito si va incontro a uno stato di pace, di rilassamento, esperienze introspettive e difficoltà di movimento. Risulterà difficile pensare, concentrarsi e muoversi.

In seguito ad un abuso di questa sostanza si possono presentare effetti collaterali come ansia, depressione, allucinazioni, deliri e psicosi. A questi si possono aggiungere problemi di fertilità e, nelle donne gravide, un abuso può determinare problemi cerebrali nel nascituro.

Va da sé che gli effetti a cui si va incontro dopo aver assunto Cannabis a scopo ricreativo, quella in cui è presente più THC, variano in base alla predisposizione dell’assuntore, alla sua personalità, alle condizioni psicologiche e alla presenza di condizioni cliniche.

Il consiglio è quello di rivolgersi a canali legali per l’acquisto di Cannabis (CBD), la cui assunzione determina effetti terapeutici e non si corre il rischio d’incorrere in effetti collaterali importanti poiché la sua produzione segue un iter ben preciso e controllato. Insomma, come sempre, fatene un uso consapevole.

Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari, ha maturato esperienza in numerosi ambiti collaborando con diverse altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.