Il cloro delle piscine può avere effetti dannosi sul tuo corpo?

Con l’arrivo di settembre, torna la voglia di fare sport. Ripartono le iscrizioni in palestre e nelle piscine al chiuso, ma ti sei mai chiesto se il cloro possa avere effetti dannosi sul corpo? Ad esempio, come mai a volte ti bruciano gli occhi quando riemergi dall’acqua?
Dott. Albert Kasongo Medico vaccinologo
24 Settembre 2022 * ultima modifica il 24/09/2022

Settembre, mese di buoni propositi e di iscrizioni in palestre e piscine. Da sempre ci si chiede se il cloro utilizzato per la disinfezione e l’igiene delle piscine possa avere effetti dannosi per il nostro organismo. Vediamo insieme cosa accade.

Perché si usa il cloro?

La scelta del cloro come prodotto di disinfezione non è casuale e segue logiche derivati dalla facile reperibilità sul mercato: si può trovare sia in pastiglie che in polvere, e dal basso costo. In più ha un’efficacia comprovata, sostenuta da numerose evidenze scientifiche, nel contrastare la formazione di diversi agenti patogeni, batteri e alghe.

Gli effetti del cloro

Ma questo cloro, fa male?

Innanzitutto dobbiamo considerare quello che accade appena si applica il cloro. La parte gassosa di questa sostanza evapora e si crea il cloro attivo libero. Considerato l’elevato ph dell’acqua delle piscine, la quantità di cloro attivo libero presenta concentrazioni molto lontane dalla soglia a cui si possono creare danni all’organismo. E allora come mai spesso vi capita di avere irritazione agli occhi, alla pelle o altri problemi?

Il cloro attivo libero, come dicevamo prima, da solo, non crea problemi ma quando entra in contatto con altre sostanze, soprattutto inquinanti (sia organici che inorganici) a base di azoto, può portare alla formazione di cloro attivo combinato, sostanza alla base delle reazioni irritanti. In che modo il cloro attivo libero può entrare in contatto con gli inquinanti a base di azoto? Da dove provengono queste sostanze?

È presto detto: queste sostanze altro non sono che i prodotti di escrezione dei bagnanti. Per dirla in altri termini, tutte le persone che emettono sudore e fanno pipì in acqua!

Questa miscela di sostanze che si crea è la causa dell’odore a cui siamo abituati e degli effetti irritanti sul nostro organismo. Vediamo insieme quali sono gli effetti sul corpo:

  • Irritazione agli occhi: bruciore, prurito e fastidi
  • Secchezza della pelle
  • Problemi respiratori: inalare queste sostanze, a livelli importanti e a lungo andare, può causare reazioni allergiche dell’apparato respiratorio che danno luogo a difficoltà respiratorie
  • Indebolimento dei capelli: per aumento della fragilità dovuto a una disidratazione e conseguente secchezza
  • Alterazioni della flora batterica: secondarie a ingestione di acqua che va ad alterare la flora presente all’interno del nostro organismo

La prevenzione

Allora cosa si può fare per prevenire il tutto?

Prendere piccoli accorgimenti come indossare cuffie e occhialini per proteggere capelli e occhi, farsi la doccia prima e dopo l’ingresso in piscina per lavare via eventuali residui di sostanze, evitare piscine troppo affollate e utilizzare prodotti per corpo e capelli che siano in grado di contrastare l’azione disidratante del cloro.

Buona stagione a tutti!

Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari, ha maturato esperienza in numerosi ambiti collaborando con diverse altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.