Il commercio illegale di cuccioli di animali in Cina dilaga sfruttando il successo delle mistery box

Non c’è fine all’orrore. Dopo i wet market, in Cina dilaga il business degli animali di piccola taglia acquistati online e consegnati a casa nelle mistery box. Una forma di commercio illegale che riesce comunque ad aggirare i divieti in vigore in materia.
Gaia Cortese 8 Giugno 2021

Tutto può essere messo in una scatola misteriosa. È lo slogan con cui diversi marchi, tra cui Starbucks, Sephora e Converse hanno creato delle scatole misteriose per i loro clienti cinesi.

Si sceglie il prezzo e la categoria a cui deve appartenere la scatola e si aspetta di ricevere il pacco a casa e scoprirne il contenuto misterioso. Peccato che scegliendo la categoria “Animali", in una di queste scatole si possano trovare anche piccoli animali come cuccioli di cane, gattini di qualche mese, criceti e tartarughe, che non sempre arrivano a destinazione ancora vivi.

Lo scorso 3 maggio alcuni volontari del gruppo per i diritti degli animali Love Home hanno rintracciato nella città cinese di Chengdu un camion che trasportava 156 Mystery Box con cuccioli di cane e gatto, alcuni dei quali già morti a causa delle pessime condizioni di trasporto, per insufficienza di aria, acqua e cibo.

Quello che preoccupa ulteriormente è che questo business sembra andare fin troppo bene e, secondo quanto riferito da Ding Ying, professore di marketing presso la Renmin University of China di Pechino, in alcuni casi potrebbe  creare addirittura assuefazione.

Di norma, infatti, i principali clienti di queste mistery box, sono attirati dalle collezioni e una volta che iniziano a fare un primo acquisto, è difficile che riescano a fermarsi. Inizialmente, infatti,  le mistery box contenevano piccoli personaggi da collezione, ma è stata poi allargata agli animali, aggirando così i divieti in vigore in Cina sulla consegna di animali vivi per posta.

Oltretutto secondo i media cinesi, questi tipi di consegne non sono controllate come dovrebbero e chi lavora dietro questo commercio illegale sta sfruttando questo punto cieco per consegnare animali sulla porta dei consumatori per pochi yuan, ma soprattutto mettendo a rischio la vita di questi animali che arrivano a destinazione disidratati e in precarie condizioni di vita, se non addirittura morti.