Il Comune di Santa Margherita Ligure omaggia i bambini: nasce il nuovo Sentiero degli Animali

Quattordici statue in legno raffiguranti gli animali del bosco, 4 chilometri di sentiero boschivo da percorrere e un’esperienza indimenticabile da vivere in Famiglia. Inaugurato finalmente il Sentiero degli animali a Santa Margherita Ligure.
Gaia Cortese 1 Giugno 2021

Un gufo che osserva con curiosità i passanti. Un cinghiale che spunta da un albero cavo e uno stambecco che si guarda intorno, sbucando da un cespuglio. Sono solo alcune delle statue di legno che si possono incontrare percorrendo il nuovo Sentiero degli animali a Santa Margherita Ligure, un anello escursionistico pensato per tutti, ma in particolare per i bambini e le famiglie.

Il sentiero escursionistico è lungo circa 4 km, con partenza e arrivo alla chiesa di Nozarego (Santuario N.S. del Carmine), sulle alture di Santa Margherita Ligure. Qui è possibile immergersi nella natura del luogo e anche  improvvisare una sfida a chi avvista per primo le quattordici statue in legno raffiguranti gli animali nel bosco, una sorta di caccia al tesoro che di sicuro intrattiene molto bene i più piccoli.

Il Sentiero degli animali è stato inaugurato lo scorso 27 maggio, dichiarandone i fini didattici ed educativi, tant’è che alle spalle della chiesa di Nozarego è stata anche allestita un’aula nel bosco dove poter svolgere attività di ogni tipo open air.

La realizzazione del sentiero boschivo ad opera del Comune di Santa Margherita Ligure è stata resa possibile grazie al finanziamento della Regione Liguria attraverso fondi europei, per un  costo totale dell'opera pari a circa 150 mila euro.

Come riportato dall’ANSA, Paolo Donadoni, sindaco di Santa Margherita e Commissario Straordinario dell'Ente Parco di Portofino, ha così commentato in occasione dell’inaugurazione: "È un regalo che abbiamo voluto fare all'Unicef e a tutti i bambini e ragazzi del mondo. Il Monte di Portofino è stato insignito dall'Unicef Monte Amico dei Bambini (Una convenzione ratificata esattamente trent'anni fa, ndr) ed è da qui che siamo partiti nel novembre del 2017. L'attenzione ai bambini e all'infanzia deve arrivare dal basso, dalle comunità locali che si devono impegnare in azioni concrete. Prendiamo esempio da qui, dove c'è un faro sul rispetto della convenzione per tutti i bambini del mondo e c'è un monte, il monte di Portofino, baluardo dei diritti dei bambini”.