Il Coronavirus spiegato ai bambini dai bambini: “Non è una festa. E allora perché non siamo a scuola?”

Quella che all’inizio sarà sembrata una vacanza inaspettata, ora potrebbe aver iniziato a spaventare un po’ i più piccoli: come mai è tutto chiuso? E perché per le strade non c’è quasi nessuno? Ecco perché è arrivato il momento di raccontare anche a loro cosa stia succedendo, ma soprattutto qual è il loro importantissimo compito in questa missione.
Giulia Dallagiovanna 6 marzo 2020
* ultima modifica il 23/09/2020

"No, non è Halloween, non è più carnevale, e nemmeno una festa in maschera. E allora perché non siamo andati a scuola?" Si chiede un bambino, togliendosi una mascherina che tutti ormai abbiamo imparato a conoscere in questi giorni. Forse anche ai tuoi figli sarà sembrata una po' una vacanza inaspettata. Almeno, la prima settimana. Ma poi lo stop alle lezioni è stato prolungato, niente sport o attività pomeridiane, mentre le strade della vostra città si svuotavano. E allora, magari, un po' di paura hanno iniziato a provarla anche loro.

"Noi bambini abbiamo un compito fondamentale in questa missione: imparare come si previene il contagio"

Ma chi c'è di meglio di un loro coetaneo per spiegargli, con parole loro, cosa sta accadendo in questo strano periodo? E soprattutto, quale è il loro ruolo in tutta la faccenda? Sì, perché "noi bambini abbiamo un compito speciale in questa missione! Il più importante di tutti!".

E quale sarebbe? Quello di imparare per bene come ci si deve comportare per prevenire il contagio. E magari chiarirlo meglio anche ai genitori più distratti. E quindi, ecco come si starnutisce, come ci si lava le mani e…questa mascherina, va indossata sì o no?

Credits video:

Una produzione Ciaopeople
Video di Luna Esposito e Luca Iavarone
Direzione: Ugo di Fenza
Organizzazione, DOP e post: Raffaello Durso
Casting e assistente: Paola Mirisciotti
Direttore di produzione: Danilo Zanghi

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.