Il progetto di Margot Krasojevic: una galleria d’arte futuristica che sfrutta l’energia delle onde

Un progetto innovativo per realizzare una galleria d’arte che sfrutta il movimento ondoso per produrre energia. L’idea è dell’architetto londinese Margot Krasojevic che ha pensato a questa struttura avveniristica per la città di Sochi, in Russia.
Gaia Cortese 27 maggio 2020

Al momento è solo un progetto su carta, ma la speranza è che si possa realizzare e che possa essere un esempio di architettura sostenibile. Si chiama Hydroelectric Sculpture Gallery ed è il progetto di una galleria di arte futuristica che funziona esclusivamente a energia idroelettrica. L’idea è venuta a un architetto londinese, Margot Krasojevic, che ha pensato di poter sfruttare l’energia generata dal movimento delle onde per alimentare un sistema di turbina ad acqua.

Siamo infatti sulle coste di Sochi, in Russia, le onde sono quelle del Mar Morto e il progetto prevede che la galleria d’arte sia in parte immersa nel mare e inclinata di 45° rispetto alla costa per essere maggiormente esposta al moto ondoso. L’energia generata dalle onde viene raccolta attraverso delle colonne d’acqua oscillanti; all’interno della struttura si viene così a creare un movimento di aria: quando l’onda sale, l’aria si comprime verso l’alto e fa girare la turbina in senso antiorario; quando l’onda scende, la turbina gira in senso contrario (orario). Il movimento generato permetterebbe un'erogazione fino a 300 kW di energia pulita e rinnovabile. Non solo. Il progetto della galleria d’arte a energia idroelettrica permetterebbe anche di generare corrente elettrica per alimentare fino a 200 case e aziende nelle strette vicinanze della galleria.

All’interno della galleria, gli spazi ricorderanno la struttura di una centrale elettrica, con soffitti rivestiti in acciaio che vogliono ispirarsi alle onde che si infrangono verso l’esterno. Esternamente invece, l’edificio prevede una serie di passerelle e rampe che si snodano intorno alla struttura principale in acciaio. L’accesso all’Hydroelectric Sculpture Gallery avverrà attraverso una lunga passerella in legno che sarà installata dalla riva.