L’allarme degli scienziati australiani: i koala del Nuovo Galles del Sud rischiano di estinguersi entro il 2050

Secondo un rapporto realizzato da un comitato governativo dello stato australiano del Nuovo Galles del Sud, l’impatto del cambiamento climatico, con prolungati periodi di siccità e incendi sempre più frequenti, sta portando alla distruzione dell’habitat di questi marsupiali, che nel giro di 30 anni potrebbero scomparire.
Federico Turrisi 1 luglio 2020

Difficile dimenticare le immagini dei devastanti incendi che hanno colpito l'Australia sud-orientale sei-sette mesi fa, causando la morte di 24 persone e danni per miliardi di dollari. A pagare le conseguenze è stata soprattutto la fauna selvatica della regione. Adesso arriva anche un rapporto realizzato da un comitato interpartitico dello stato australiano del Nuovo Galles del Sud (l'area più colpita dai roghi della scorsa estate australiana). Se il governo non intraprende azioni urgenti per proteggere l'habitat e affrontare la crisi climatica i koala del Nuovo Galles del Sud potrebbero estinguersi entro il 2050.

A causare il declino della popolazione di koala ci sono diversi fattori, tra cui il disboscamento causato dall'uomo e la diffusione di malattie che indeboliscono questi animali, come le infezioni da clamidia. La minaccia principale è però rappresentata dal cambiamento climatico: ondate di calore e periodi di siccità sempre più lunghi rischiano di portare alla disidratazione i marsupiali, che appaiono spesso anche malnutriti dal momento che la qualità delle foglie di eucalipto, principale fonte di nutrimento per i koala, si sta riducendo.

Solo l'anno scorso, fa notare il report, le fiamme hanno ridotto in cenere più di cinque milioni di ettari nello stato del Nuovo Galles del Sud e hanno colpito il 24% dell'habitat dei koala. Secondo l'indagine governativa, non possono considerarsi attendibili le stime che parlavano di un numero di esemplari presenti sul territorio del Nuovo Galles del Sud pari a 36 mila unità, prima che iniziasse la drammatica serie di incendi dello scorso dicembre. Secondo l'ecologo della National Parks Association of New South Wales Oisin Sweeney, ci sarebbero tra i 15 mila e i 20 mila koala selvatici. Occorrono quindi politiche di tutela ambientale incisive per fermare il loro declino, ora più che mai. Il rischio è quello di perdere uno degli animali più iconici dell'Australia.