L’Amaryllis è uno dei fiori più raffinati, eleganti e decorativi che esistano: coltivalo così

Conosci l’Amaryllis? È una pianta che nasce da un bulbo e il cui aspetto è particolarmente elegante e vistoso. Qui troverai i consigli di coltivazione per farla crescere rigogliosa, sana e robusta, senza troppi pensieri.
Sara Polotti 29 Ottobre 2022

Invernale e coloratissima, l'Amaryllis è una pianta originaria del Sud Africa che piace molto anche in Occidente, per il tocco di colore che dona in casa e perché è possibile coltivarla in vaso. Seguendo queste regole non dovrai preoccuparti del tuo pollice verde: sono semplici e precise e ti permetteranno di fare crescere l'Amaryllis rigogliosa e robusta, con i suoi bellissimi fiori e le sue foglie carnose.

Come si presenta l'Amaryllis

Uno stelo lungo e robusto, verde acceso; dei fiori a trombetta che ricadono in avanti, dai colori particolarmente accesi; e un'altezza che va dai 50 ai 70 centimetri. Ecco come si presenta l'Amaryllis, pianta decorativa profumata e invernale, particolarmente raffinata e amatissima per la capacità di arredare anche gli spazi più minimali.

Le sue foglie, tuttavia, non compaiono prima, ma solo dopo che sono sbocciati anche i suoi fiori. Come si presentano? Lunghe, lucide ed eleganti, proprio come il fiore che incorniciano.

Il clima che vuole l'Amaryllis

Essendo una pianta originaria del Sud Africa (e non dell'Africa centrale! È bene non confondersi), l'Amaryllis preferisce climi miti e temperati, e non troppo caldi. Tanto che effettivamente i suoi fiori sbocciano in inverno, e tanto da aver trovato nelle nostre zone mediterranee un luogo ideale per crescere, dal momento che gli inverni non sono troppo rigidi.

Anche se coltivata in casa e in vaso, tuttavia, va sistemata in una zona particolare dell'abitazione, non sottovalutando la posizione. L'Amaryllis preferisce infatti il pieno sole ed è quindi consigliato posizionarla accanto a finestre luminose. Questo per quanto riguarda l'inverno. In estate, è bene spostarla all'aperto, dove potrà godere del caldo e dei raggi del sole.

In quel periodo, tuttavia, non sarà in fiore: dovrai trapiantare i bulbi – privi di vegetazione – in un nuovo vaso o nel terreno esterno, abbastanza in profondità, attendendo che rifiorisca. E staccando i bulbi più piccoli che crescono attorno a quello principale potrai moltiplicare la tua pianta, interrando anche loro (staccali delicatamente!).

Come coltivarla

Se hai scelto di tenerla in vaso, assicurati che sia abbastanza ampio per accogliere comodamente il bulbo alla base della pianta.

Annaffiala con costanza ma senza eccedere: solo durante la fioritura e nel periodo successivo (quando crescono le foglie) l'Amaryllis ha bisogno di sostegno idrico, mentre negli altri periodi basterà darle da bere solo ogni tanto, a terriccio secco.

La bella notizia? L'Amaryllis teme poco i parassiti, quindi con tutta probabilità non ti troverai di fronte a questo problema.