Le isole Svalbard potrebbero presto tutelarsi contro l’overtourism e il climate change

Sono uno dei luoghi più belli e suggestivi del Pianeta ma anche uno dei più fragili a causa dei cambiamenti climatici. Per questo le isole Svalbard potrebbero iniziare a tutelarsi adottando delle misure.
Sara Del Dot 27 Settembre 2021

Sono bellissime, hanno circa 2000 abitanti e rappresentano una delle mete predilette dei turisti che visitano il mare Glaciale Artico.

Con la loro suggestiva biodiversità, i ghiacciai e la luce, sono infatti una delle meraviglie incontaminate che si trovano sul Pianeta. Se ti ricordi, ne avevamo già parlato in occasione di un’intervista a un ricercatore che è rimasto bloccato lì a causa della pandemia.

Le Svalbard, però, non sono soltanto bellezza, o meglio, non più. Questa zona così fragile infatti rappresenta anche uno dei luoghi maggiormente colpiti dai cambiamenti climatici e che per questo necessitano di maggiore tutela. Una situazione ulteriormente aggravata dal turismo che sempre più interessa quelle zone, in particolare a bordo delle navi da crociera.

Tuttavia il turismo rappresenta comunque anche una delle principali fonti di reddito della zona, scontrandosi inevitabilmente con la necessaria tutela del paesaggio. Infatti prima della pandemia il flusso turistico era aumentato in modo considerevole e dopo questo stop obbligato la previsione è che si tornerà presto ai livelli precedenti, se non peggio.

Così la direttrice dell’agenzia per l’Ambiente norvegese Ellen Hambro ha rassicurato sul fatto che non ci saranno restrizioni sul numero di persone che possono visitare le Svalbard o sul numero di barche turistiche per stagione. Tuttavia per non compromettere gli ecosistemi e salvaguardare l’ambiente della zona sono state avanzate alcune proposte che potrebbero entrare in vigore a un certo punto dell’anno prossimo.

Una di queste è di consentire ai turisti di sbarcare soltanto in 42 località selezionate con un numero massimo di passeggeri consentito per nave e tutta una serie di accorgimenti necessari.